Italy

18 giugno 1946, nasce ufficialmente la Repubblica italiana


NICOLA ZUCCARO -
Il 18 giugno 1946, a 8 giorni di distanza dall'annuncio dei risultati del referendum pertinente la scelta della "futura" forma dello Stato italiano, la Corte di Cassazione, dopo aver integrato i conteggi delle sezioni elettorali mancanti, proclamò ufficialmente la nascita della Repubblica italiana. Essa, pur essendo uscita vincitrice con 12.717.923 preferenze contro le 10.719.824 favorevoli alla conferma della Monarchia, dovette attendere per il suo definitivo successo l'esame dei ricorsi presentati dai monarchici che lamentarono azioni di disturbo e brogli elettorali nella consultazione popolare. 

Nei giorni immediatamente successivi alla stessa, gli scontri che si verificarono in alcune città del Sud Italia non condizionarono il parere della Corte che dette il via libera alle successive operazioni di insediamento della Repubblica con l'elezione del Capo provvisorio dello Stato nella persona di Enrico De Nicola da parte dell'Assemblea Costituente, anch'essa eletta dal popolo italiano il 2 e 3 giugno dello stesso anno. 

Questi passaggi, in attesa del varo della nuova Costituzione della Repubblica, avvenuta il 1 gennaio 1948, conclusero definitivamente la lunga permanenza della Monarchia in Italia. Il congedo della stessa dal suolo italiano fu anticipato il 13 giugno 1946 con la veloce e volontaria partenza di Re Umberto II che raggiunse Cascais, località a sud del Portogallo, quale luogo del suo esilio.

Football news:

Shomurodov sul passaggio a Roma: farò del mio meglio per mostrare le mie abilità in uno dei più grandi club del mondo
Roma ha acquistato Shomurodov per 17,5 milioni di euro da Genoa
Monaco ha acquistato il centrocampista di Lione Lucas per 12 milioni di euro
Aldridge sul nuovo contratto Manchester United e Sulscher: i tifosi del Liverpool, Chelsea e City gioiscono
Mbappé non lascerà il PSG quest'estate, ma anche i negoziati sul nuovo contratto non conducono (Le Parisien)
La Juve ha concordato con SANTOS per il trasferimento di Cayo. Per lui pagherà 1,5 milioni ora e 1,5 milioni in un anno
Joan Laporta: Barcellona farà di tutto per far rimanere messi. Ci sono problemi irrisolti