Italy

A Casa Cavazzini 50 capolavori: Udine si candida a capitale dell’arte

UDINE. A un mese esatto dall’inaugurazione della mostra “La forma dell’infinito”, prevista per sabato 16 ottobre, sono stati presentati a palazzo D’Aronco i contenuti dell’esposizione, che punta per stessa ammissione degli organizzatori (il Comune insieme al Comitato di San Floriano), a trasformare Udine in una città di richiamo, in Italia e in Europa, per gli amanti dell’arte e del bello. L’obiettivo dichiarato, pandemia permettendo, è quello di far arrivare 100 mila persone prima del termine della mostra, fissato per il 27 marzo 2022.

«Udine vivrà un’esperienza senza precedenti – assicura il curatore, don Alessio Geretti –. Aprirà le sue porte su un mondo d’arte avvincente, con opere firmate dai grandi maestri della storia dell’800 e del 900. Sarà l’occasione per un viaggio interiore, con il tema scelto che darà spazio alle emozioni e alle riflessioni». Cinquanta i dipinti ospitati al secondo piano di Casa Cavazzini (rinnovata per l’occasione), con veri capolavori dell’arte moderna e contemporanea firmati da Monet, Cézanne, Matisse, Kandinskij, Boccioni, Picasso, Vedova, Fuchs, Sisley, Kupka, Lentulov, Nesterov e molti altri ancora.

Ci sarà posto anche per un artista friulano, Giovanni Napoleone Pellis. «Accanto ai grandi della storia dell’arte internazionale – prosegue Geretti – abbiamo voluto dare spazio a un nostro artista, che nei suoi paesaggi è sempre stato capace di rappresentare non tanto ciò che si palesa davanti allo sguardo, quanto le percezioni di immensità presenti nell’anima. Visto che i friulani a volte si considerano abitanti di una piccola periferia insignificante – evidenzia – Pellis magari può aiutarci a scoprire che dalla nostra postazione abbiamo la facoltà di percepire l’infinito. Basta solo tenere gli occhi aperti».

Una scelta che soddisfa, come tutte le altre prese dal Comitato di San Floriano, il sindaco Pietro Fontanini, intervenuto ieri insieme agli assessore Maurizio Franz e Fabrizio Cigolot. «Pellis è un artista a me molto caro, che ha vissuto e operato in città, accanto alla biblioteca Joppi. Sono felice che don Geretti abbia inserito anche lui nella mostra, che sarà certamente motivo di richiamo a livello nazionale e internazionale». Molti dei capolavori in arrivo sono stati prestati dai musei più importanti del mondo: Vienna. Parigi, New York, Barcellona, Mosca, Venezia e Roma. E non mancheranno gli inediti di collezioni private, che Udine proporrà per la prima volta all’attenzione del mondo.

«Daremo un volto nuovo alla città, mai avuto prima, trasformandola in un centro di attrazione per gli amanti dell’arte – afferma l’assessore Franz –. Chi arriverà a Udine potrà conoscere anche le altre eccellenze del nostro territorio, dall’enogastronomia all’artigianato fino al commercio, innescando un vero salto di qualità per la città. Ed è solo l’inizio – aggiunge – visto che abbiamo intenzione di riproporre a cadenza annuale una mostra di questo livello, in quanto l’efficacia di un progetto di tale spessore ha bisogno di tempo per rendere al meglio».

Accanto al Comune, per dare vita all’esposizione di Casa Cavazzini, si sono schierati la Regione Fvg, Promoturismo Fvg, Fondazione Friuli e Gruppo Hera Amga Energia e Servizi. «I nostri uffici e i civici musei sono al lavoro da oltre un anno con il Comitato di San Floriano per curare tutti i dettagli – informa l’assessore Cigolot -. Ora ci siamo e grazie all’armonia instauratasi siamo certi che il risultato sarà di grande livello e apprezzato da tutti».

Udine inaugura una stagione che vuole lasciarsi alle spalle l’incubo della pandemia e la perdita di contatto con la bellezza in presa diretta, con una mostra che si pone l’obiettivo di diventare una sorta di terapia dell’anima. Ora la sfida da vincere dovrà essere quella di riuscire a saper dare il meglio di sé e a saper accogliere i tanti appassionati che arriveranno nei prossimi mesi.

Le prenotazioni per le visite sono già aperte, via telefono (0432.1279127), via email ([email protected]) o attraverso l’apposito modulo presente sul sito dedicato (www.laformadellinfinito.it). La mostra resterà aperta il lunedì dalle 14 alle 18, il martedì, mercoledì e giovedì dalle 9 alle 18, il venerdì, sabato e domenica dalle 9 alle 19.30. Il biglietto di ingresso costerà 12 euro, con offerte per scolaresche, gruppi e famiglie. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Football news:

I tifosi Dell'Ajax hanno organizzato una partita di fuochi d'artificio allo stadio contro il Borussia Dortmund
Guardiola sul coronavirus: sono vaccinato, mi fido di medici e scienziati. Vediamo quanti morti in Inghilterra
Griezmann ha raggiunto Giroux in Champions League (35) e divide con lui il 5 ° posto tra i francesi
Ad Amsterdam, i fuochi d'artificio non sono solo sul campo, ma anche sugli spalti. Un pirobo di fan di AJAX e Borussia Dortmund
Mbappe ha 46 (28+18) punti sul sistema di gol+passaggio in 48 partite in Champions League
L'Atlético ha perso due volte al 15 ° minuto per la prima volta a Simeone
Guardiola Pro 5-1 con Bruges: uno dei migliori giochi di Man City nelle competizioni europee