Italy

A Cortina da 25 nazioni per la sfida di orienteering

L’evento sportivo di domenica 3 ottobre porterà in paese 227 atleti e 49 tecnici. Il comitato promotore: «Questa finale avrà una positiva ricaduta turistica»

CORTINA. La prova finale di Coppa del mondo di orienteering arriva a Cortina, dopo due tappe in Cansiglio, e porterà domenica all’ombra delle Tofane quasi trecento atleti e tecnici da tutto il mondo.

La Federazione internazionale di orienteering ha infatti affidato all’Italia l’organizzazione della finale di Coppa 2021. Le gare si terranno il 30 settembre ed il 2 e 3 ottobre tra la foresta del Cansiglio e Cortina d’Ampezzo.

In particolare le prime due gare in ambientazione “forest” nel Cansiglio saranno competizioni individuali sulla lunga e media distanza, mentre domenica a Cortina, in ambientazione “urban”, andrà in scena l’evento finale con la staffetta sprint mista a 4 frazionisti (donna-uomo-uomo-donna).

A Cortina è previsto l’arrivo di 227 atleti (122 uomini e 105 donne) oltre a 49 tecnici e allenatori. Le nazionali rappresentate sono 25, con pattuglie consistenti di atleti da Svizzera, Norvegia e Italia.

Nel 2020 la finale era saltata a causa dell’emergenza sanitaria, ma quest’anno, grazie alla definizione di un rigido protocollo anti-Covid e confidando nei progressi della campagna vaccinale, il Comitato organizzatore WCup, composto dalle associazioni sportive Orienteering Tarzo, Orienteering Dolomiti e Orienteering Miane ’87, ha messo in moto l’intera macchina organizzativa e uno staff di volontari a supporto della buona riuscita dell’evento.

Gli atleti arriveranno a Cortina senza conoscere il percorso di gara. Ad ogni atleta verrà data una cartina e dovranno passare su tutti i punti individuati: vince chi impiega il minor tempo a raggiungere il traguardo che sarà in centro.

«Non possiamo dare informazioni sul percorso», spiega Ercole Pin del comitato organizzatore, «perché una delle caratteristiche della gara è proprio quella di sapersi orientare tramite la cartina. L’orienteering è uno sport molto praticato sopratutto nei Paesi nordici come la Svezia e la Norvegia. I diritti tivù della gara di Cortina li ha acquistai un'emittente svedese. Questa finale di Coppa sarà una buona opportunità anche da un punto di vista turistico. Saranno presenti tutte le nazionali europee, gli Usa, l’Australia e la Nuova Zelanda. Faremo vedere le bellezze delle Dolomiti e sicuramente gli atleti torneranno in vacanza in questi posti magici. Essere a Cortina, è poi un motivo di orgoglio per chi organizza eventi sportivi dato che qui ci sono stati i Mondiali di sci alpino a febbraio e torneranno le Olimpiadi nel 2026. Ringrazio la Regione, il Comune, la Federazione tutti coloro che stanno lavorando per predisporre al meglio questa Finale».

L’Italia arriva alle finali di Coppa del mondo con l’entusiasmo alle stelle, dopo la straordinaria vittoria del romano Francesco Mariani ai campionati Mondiali juniores disputati in Turchia ad inizio settembre. Ai Mondiali, sia il toscano Ilian Angeli che la lombarda Caterina Dallera hanno sfiorato il podio conquistando la quarta posizione. A Cortina diranno la loro.

La gara domenica partirà alle 13.30. Sabato ci sarà invece un momento dedicato all’Orienteering, aperto a tutti, a Fiames, valevole come Campionato Triveneto.

Football news:

Jamie Carragher: il Manchester United ha bisogno di un nuovo allenatore. Sulscher non vincerà L'APL about la Champions League, non è a livello di Klopp, Tuchel about Pep
Antonio Cassano: Ronaldo non è nemmeno tra i primi 5 nella storia. Messi, Pelè, Maradona, Cruyff e Ronaldo su un altro livello
Joaquín è il primo giocatore del XXI secolo a fare un assist nella Liga all'età di 40 anni
Ricordate l'inferno che i fan hanno fatto alla finale Dell'Euro? Per questo L'Inghilterra giocherà senza spettatori
Gary Lineker: non capisco perché Lacazette non stia giocando più. Forse ci deve essere una ragione, ma non la vedo
Infantino circa la Coppa del mondo ogni 2 anni: i vantaggi sono evidenti. Quando hanno deciso di trascorrere una volta ogni 4 anni, c'erano 40 squadre, e ora 211
Arteta su 2:2 con Crystal Palace: L'Arsenal ha dominato all'inizio, ma ha perso il controllo del gioco