Italy

A Trento è vittoria contro Brindisi e si inizia ad accarezzare il sogno playoff. PAGELLE

TRENTO. Sono solo due le partite che separano Trento dalla fine della regular season e probabilmente sono le più importanti dell’anno. Con ancora un solo posto ai playoff da assegnare la Dolomiti Energia deve vincere contro Brindisi e Bologna per assicurarselo. Stasera si gioca contro i pugliesi, una sfida difficile ma possibile viste le condizioni degli avversari, appena usciti da una lunga serie di casi di Covid. Non bisogna però sottovalutarli: rimangono i secondi in classifica e i trentini avranno bisogno di una fantastica prestazione per portare a casa la vittoria.

I primi punti sono dell’Aquila, che con la tripla di Martin si prende il primo vantaggio della partita. Prendere il largo però non è semplice e i pugliesi rimangono attaccati, riuscendo anche a ribaltare la situazione dopo qualche minuto. Ora sono i trentini a inseguire, ma è difficile, soprattutto con Williams, pezzo fondamentale delle rotazioni trentine, che fatica ad ingranare. La Dolomiti Energia si affida molto di più al duro lavoro di Martin e Maye, che riportano la squadra a -3. A fine quarto arriva anche la parità per mano di Forray, ma Brindisi risponde proprio sulla sirena e si torna in panchina sul 15-18.

Si torna in campo e Trento mette subito a segno un mini parziale di 5-0 per riportrsi in testa, costringendo coach Vitucci al timeout. Brindisi riprende il comando, ma la difesa della Dolomiti Energia rimane presente e intensa e non concede nulla di semplice. Col duro lavoro arrivano anche i risultati e i bianconeri si riportano testa a testa. Dopo un paio di tentativi arriva anche il vantaggio e con le triple di Morgan Trento si mette l’Happy Casa alle spalle (+7). I pugliesi cercano di riportarsi a tiro e ci riescono in poche azioni, tornando a un solo possesso di distanza dai padroni di casa. Trento però regge il colpo e riesce ad andare alla pausa lunga ancora avanti di 3 (35-32).

Brindisi torna in campo decisa a riprendere in mano la partita e così fa, infliggendo ai trentini un parziale di 10-2 in apertura del terzo quarto. Con la schiacciata di Martin arriva la scossa di cui Trento aveva bisogno e la squadra ricomincia a girare e a trovare buone azioni in attacco. L’Aquila riesce quindi ad aggrapparsi alla partita, senza permettere ai pugliesi di guadagnare troppo terreno e riuscendo alla fine a riportarsi in parità. Lo sforzo in difesa porta a vari palloni recuperati che danno l’occasione ai trentini di mettersi avanti. Occasione di cui approfittano, concludendo il quarto sul +4 (60-56).

Trento continua a battere sul ferro finché caldo, toccando anche il +9 nei primi tre minuti di gioco. Brindisi invece fatica a rispondere e inizia a mostrare i primi segni di stanchezza. Dopo la tripla di Visconti l’Happy Casa riprende un po’ di brio, ma l’Aquila riesce comunque a rimanere davanti. Giocano con il cronometro i trentini, cercando di arrivare alle azioni finali con un buon margine di vantaggio. I pugliesi però provano ad attaccare i 7 punti di vantaggio dei bianconeri, cercando il ribaltone con un minuto sul cronometro. Il piano di Brindisi però non funziona e Trento si porta a casa una meritata vittoria ed inizia ad accarezzare il sogno playoff (83-73).

MARTIN – La sua difesa è stata uno dei fattori fondamentali nel successo di stasera. Il numero 1 bianconero non ha dato pace all’attacco di Brindisi, concludendo con 5 palle rubate oltre a 14 punti.

JOVANOVIC – N.E.

PASCOLO – N.E.

CONTI – S.V.

BROWNE 6,5 – Per gran parte della partita non gioca al massimo della sua forma. Si tira fuori negli attimi decisivi però, riuscendo a sventare gli ultimi attacchi dei pugliesi.

FORRAY 6 – Non una grandissima partita da parte del capitano, anche se con la sua presenza in campo riesce a rimettere ordine tra i compagni nei momenti in cui la situazione sembra sfuggire al controllo.

SANDERS 6,5 – Offensivamente non la sua miglior prestazione, ma difensivamente ci mette il suo, riuscendo a mettere spesso il bastone tra le gambe ai brindisini.

MEZZANOTTE – N.E.

MORGAN 9 – Grande sforzo in difesa e nel tiro da tre, Morgan questa sera riesce a fare praticamente tutto quello che gli si chiede. Giustamente incoronato Mvp di questa sera.

WILLIAMS 7 – Dopo due quarti in cui fatica molto a prendere il ritmo si riprende nel terzo quarto, quando c’è bisogno di lui. Sarebbe stato meglio averlo fin dal principio, ma alla fine chiude una buona partita con 16 punti e 9 rimbalzi.

LADURNER – S.V.

MAYE 6,5 – Buono sforzo in difesa, soprattutto all’inizio. Perde un po’ di smalto col proseguire dei minuti, ma riesce comunque a portare un contributo solido alla squadra.

MOLIN 8 – Ottima gestione della partita, timeout chiamati al momento giusto e soprattutto grande organizzazione dei giocatori. Riesce quasi sempre a mettere in campo gli atleti di cui c’è bisogno al momento, facendo aumentare e rallentare il ritmo della partita a suo piacimento. Una vittoria meritata.

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO - HAPPY CASA BRINDISI 83-73

(15-18; 20-14; 25-24; 21-17)

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO. Martin 14, Jovanovic, Pascolo, Conti, Browne 11, Forray 6, Sanders 4, Mezzanotte, Morgan 22, Williams 16, Ladurner, Maye 10. Allenatore: Emanuele Molin.

HAPPY CASA BRINDISI. Bostic 18, Manfredi, Vitucci, Krubally 2, Zanelli, Harrison 17, Visconti 7, Thompson 10, Guido, Udom, Perkins 14, Willis 5. Allenatore: Frank Vitucci.

Football news:

Mortin ricorda Euro 2004: ha quasi litigato nelle giunture, si è difeso contro il giovane Cristiano e ha capito l'eccitazione del ponte
Gareth Southgate: non dovremmo essere snob di calcio. Nelle partite con le migliori squadre è importante la diversità
Leonid Slutsky: è ancora convinto che la Finlandia sia l'outsider del nostro gruppo. Sono stati molto fortunati contro la Danimarca
Non sono razzista! Arnautovic si è scusato per gli insulti nei confronti dei giocatori della Nazionale della Macedonia Del Nord
Gary Lineker: Mbappe è una star mondiale, sostituirà Ronaldo, ma non Messi. Leo fa cose di cui gli altri non sono in grado
Un fan Spagnolo va alle partite della nazionale dal 1979. È arrivato in euro con il famoso tamburo (potrebbe averlo perso durante il Lockdown)
Ronaldo ha rimosso la coca-cola sponsorizzata in una conferenza stampa. Cristiano è duro contro lo zucchero-non lo pubblicizza nemmeno