Italy

Addio a Saturn, l’alligatore sopravvissuto alla dittatura nazista e comunista: aveva 84 anni

Era nato nelle Paludi del profondo sud americano, nello stato del Mississippi, ma da giovane aveva attraversato l’oceano per arrivare in Europa dove ha vissuto gran parte della sua vita sopravvivendo a ben due dittature, quella nazista e sovietica, prima di morire di vecchiaia nei giorni scorsi all’età di 84 anni nello zoo di Mosca. Stiamo parlando dell’alligatore Saturn, una vera e propria mascotte dello zoo della capitale russa dove era arrivato alla fine della seconda guerra mondale, tutta interamente trascorsa nel cuore della Germania nazista, a Berlino. Saturn è morto venerdì scorso, a darne notizia la direzione dello zoo moscovita attraverso i suoi account social. “Il nostro alligatore del Mississippi, Saturn, è morto di vecchiaia. Aveva circa 84 anni”, "Un'età veramente notevole", ha ricordato la nota del giardino zoologico della capitale russa, riferendosi al fatto che la vita media di alligatore in libertà di norma n va oltre i 50 anni.

“Lo zoo di Mosca è stato onorato di avere Saturn per 74 anni. Ci siamo presi cura di lui nel modo più delicato e cauto possibile. Era un animale "esigente" per quello che riguardava la sua nutrizione ma sapeva riconoscere perfettamente i suoi fidati guardiani dello zoo ed "amava essere massaggiato con una spazzola", hanno ricordato dallo zoo. L’alligatore era arrivato a Mosca nel luglio del 1946 proveniente da Berlino e il suo arrivo era stato accompagnato da una leggenda, quella di essere l’animale preferito di Hitler. "Se anche fosse appartenuto a qualcuno, ricordiamoci che gli animali non hanno niente a che vedere con le guerre e con la politica" hanno sottolineato dallo zoo di Mosca.

Saturn nella capitale russa ha visto il crollo dell’Unione Sovietica sopravvivendo a quei difficili e turbolenti momenti ma molti anni prima aveva attraversato ed era sopravvissuto a qualcosa di molto più grave, la Seconda guerra mondiale. Arrivato allo zoo berlinese nel 1936 come regalo del comitato olimpico americano per i giochi olimpici tedeschi, era scappato dalla struttura durante un bombardamento alleato nel novembre 1943 in cui rimasero uccisi migliaia di animali. Furono gli stessi alleati a ritrovarlo mentre vagava in strada in una Berlino distrutta e decisero di regalarlo ai russi. Da allora ha vissuto per tutto il tempo a Mosca dove è morto di vecchiaia. “Ha visto molti di noi da bambini. Speriamo di non averlo deluso” hanno scritto dallo Zoo.

Football news:

Joleon Lescott: Messi e Ronaldo sono supercriminali! Sterling li sta seguendo
Maurizio Sarri: non è il momento di pensare a Lione. Atalanta è molto buona, è difficile giocare contro di loro
De Bruyne non ha intenzione di lasciare Man City, anche se il club viene bandito in Champions League
Zlatan su Rangnik a Milano: Non so nemmeno chi sia
Abraham ha soddisfatto le condizioni per il rinnovo automatico del contratto con il Chelsea fino al 2023
Il candidato alla presidenza di barca Font ha dichiarato che Javi guiderà il club in caso di sua elezione: non possiamo contare su Sethien in futuro
Allie non giocherà con L'Arsenal a causa di un infortunio