Italy

Agcom, sanzioni per 9 milioni agli operatori per le bollette a 28 giorni

ServizioServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùtlc

L’Agcom ha sanzionato per 9 milioni complessivi Tim, Vodafone, Wind Tre e Fastweb sul tema delle bollette a 28 giorni. Punita la mancata previsione di rimborsi automatici per gli utenti

di Andrea Biondi

default onloading pic
(AdobeStock)

2' di lettura

La vexata quaestio delle fatturazioni a 28 giorni torna a colpire le compagnie telefoniche sanzionate dall'Agcom con multe per complessivi 9 milioni. Motivo? La mancata restituzione automatica dei “giorni erosi”.
Nell'ordine si parla di 3 milioni per Tim; 2,5 milioni per Vodafone; 2 milioni per Wind Tre e 1,5 milioni per Fastweb.

Le delibere Agcom sono state pubblicate sul sito dell’Autorità e sono la 75/20/CONS (per Tim); 76/20/CONS (per Fastweb); 77/20/CONS (per Vodafone); 78/20/CONS (per Wind Tre).

Cambia poco fra una delibera e l'altra e in fondo le questioni poste sul tavolo dall’Autorità, e alla base delle sanzioni, stanno in problemi su
trasparenza, chiarezza e completezza delle informative e misure di compensazione alternativa alla restituzione dei giorni erosi, prevedendo, in caso di mancata adesione, che gli utenti dovessero attivare gli strumenti di conciliazione.

Ora sono arrivate le sanzioni. Ma questo non implica necessariamente soluzioni alla questione per gli utenti visto che le compagnie, anche a quanto si evince dalle delibere, non appaiono intenzionate a seguire le indicazioni dell’Authority a proposito dell’automatismo delle restituzioni dei giorni erosi.

Per capire i contorni della vicenda occorre tornare indietro al 2015. Il periodo di rinnovo delle offerte ricaricabili per la telefonia mobile viene portato da cadenza mensile a 28 giorni ad agosto 2015 da Tim, a novembre 2015 da Wind, a marzo 2016 da Vodafone e ad aprile 2017 da Fastweb.