colpi di fucile in strada

Un agente è stato ucciso a colpi di fucile durante un normale controllo stradale. Ha fermato un uomo con una storia criminale violenta. Il dramma è stato ripreso da una dashcam

Doveva essere un controllo autostradale di routine ma è finito in tragedia. Non ce l’ha fatta un agente di polizia del New Mexico, tragicamente ucciso da un automobilista che poco prima aveva fermato per un semplice controllo e che è uscito dal veicolo impugnando un’arma da fuoco con la quale lo ha ripetutamente colpito prima di darsi alla fuga. L’intera agghiacciante scena è stata ripresa da due telecamere, una dashcam montata sul cruscotto della pattuglia dell’agente Darian Jarrott, ed un’altra che il poliziotto aveva addosso. Nel filmato lo si vede dirigersi a piedi accanto alla portiera del lato passeggero di un furgoncino e parlare con il conducente. Il tutto è avvenuto sulla Interstate 10 lo scorso 4 febbraio (ma solo in questi giorni i filmati sono stati diffusi dai media): l’automobilista è stato fermato per avere i vetri oscurati eccessivamente. La discussione sembra tranquilla tanto che a un certo punto l’automobilista apre la portiera sinistra del veicolo, ma anzichè limitarsi a scendere dall’auto imbraccia un fucile semiautomatico. Sembra che poco prima l’uomo, identificato come Omar Felix Cueva, abbia ammesso di avere con sè un’arma da fuoco nel veicolo: Jarrott ha chiesto a Cueva di seguirlo fino alla sua pattuglia per poter segnare il suo nome ed altri dati. Ma quando Cueva scende dal pick-up tra le mani ha un fucile AR-15 con il quale apre il fuoco.

LEGGI ANCHE =>> Si nasconde nei bagni del supermercato e stupra una donna: è caccia all’uomo

L’assassino era implicato in un traffico di droga

Nel video si sente l’agente esclamare “oh mer*a”, prima di essere colpito e cadere a terra. Cueva, 39 anni, a quel punto parte a tutta velocità lasciando l’agente in fin di vita sul ciglio della strada. Ne è nato un lungo inseguimento con i poliziotti del New Mexico proseguito per oltre 40 miglia, prima che Cueva venisse ucciso in una sparatoria con la polizia. Come emerso in seguito l’uomo aveva “una storia criminale violenta” e stava raggiungendo persone con le quali aveva in corso un traffico di droga quando Jarrott lo ha fermato. “Anche nelle situazioni più difficili lui sorrideva sempre”, ha detto il capo della polizia dello stato del New Mexico Robert Thornton dell’agente ucciso. Un secondo poliziotto è stato ferito e curato per lesioni non mortali.