Italy

Al supermercato un omogenizzato scaduto nel 2019, bimbo di appena 8 mesi si sente male e viene portato in ospedale. Paura per una giovane famiglia di Trento

TRENTO. Il vomito, i pianti e poi dei puntini rossi sul corpo. Sono state ore di paura per una giovane famiglia di Trento e per il loro bimbo di appena 8 mesi che dopo aver mangiato dell'omogenizzato scaduto si è sentito male.

La vicenda avvenuta nei giorni scorsi ora è finita per vie legali e sono in corso anche delle verifiche da parte dei Nas.

Tutto è iniziato il 9 giugno quando la madre del piccolo si è recata in un supermercato della città per prendere alcuni barattoli di omogenizzato di vario genere. Ha verificato ovviamente le scadenze dei primi barattoli e, avendone acquistati una decina, alcuni però sono sfuggiti al controllo. Li ha presi in mano e messi nella cesta per poi dirigersi alle casse.

La sera dopo mamma e papà hanno aperto un baratto di omogenizzato con formaggio e prosciutto. Ne hanno utilizzato ¾ per mescolarlo con il brodo e preparare la pappa del loro bimbo. Il piccolo ha mangiato tutto ma subito dopo si è sentito male.

Ha iniziato a vomitare diverse volte. I genitori hanno pensato in un primo momento che fosse un malessere passeggero ma poi vedendo che le condizioni del piccolo non miglioravano si sono allarmati. Hanno pensato che il bambino avesse mangiato qualcosa di strano dai nonni ma nel quaderno dove tengono segnato le pappe del bimbo non c'era nulla di diverso dagli altri giorni.

La situazione del piccolo non migliorava e sul corpo erano anche comparsi alcuni punti rossi. La sera dopo, nel preparargli della pappa per cercare di dargli qualcosa da mangiare papà e mamma hanno ripreso in mano il baratto di omogenizzato che avevano usato poche ore prima e si sono accorti che la data di scadenza impressa sul tappo era luglio 2019. L'omogenizzato era scaduto da quasi due anni era era stato preso due giorni prima al supermercato. Non potevano credere ai loro occhi.

Immediatamente hanno deciso di rivolgersi al pronto soccorso dell'ospedale Santa Chiara. Il piccolo è stato immediatamente visitato e gli sono stati prescritti dei medicinali. Il bambino, in questo momento, a circa una settimana di distanza, non si sente ancora del tutto bene.

I genitori si sono rivolti all'avvocato Claudio Tasin. “Mamma e papà ovviamente hanno avuto un grande spavento per quello che è successo al loro bimbo e la sua salute è la prima preoccupazione. Ora stiamo valutando se è il caso di fare una denuncia anche penale perché chi espone i prodotti deve fare molta attenzione”.

In merito alle condizioni del piccolo l'avvocato spiega che “Ha ancora difficoltà a dormire e quello che è successo ha turbato la regolarità della sua quotidianità”.

Football news:

Busquets, alba e Braithwaite sono arrivati nella posizione di Barca, Messi e Aguero - non ancora
Kuman ha respinto L'idea del Barça di acquistare Renata Sansches e Christian Romero
Barcellona non ha preso Morib per le tasse in Germania. Le parti non possono negoziare il Contratto
Bayern e Dortmund erano Interessati alla possibilità del trasferimento di Chiesa. Juve negato
La fantastica storia di un surfista australiano: ha conquistato il bronzo dopo una grave lesione al cranio (non poteva nemmeno camminare)
Aguero ha subito un trattamento con cellule staminali per riparare la cartilagine del ginocchio
Mills su Varan al Manchester United: non sono sicuro che sarà come Van Dijk about Diash. Nella Liga 6 partite difficili, senza contare la Champions League