Italy

Allerta crollo di un ghiacciaio a Courmayeur, 75 sfollati: cosa sta succedendo?

Questa mattina circa 15 residenti e numerosi turisti hanno dovuto abbandonare le proprie abitazioni nella bassa Val Ferret, sul fronte italiano del Monte Bianco, per l’imminente pericolo di crollo del ghiacciaio Planpincieux

Ghiacciaio courmayeur

Il sindaco di Courmayeur, Stefano Miserocchi, ha dovuto proclamare l’allerta e disporre l’allontanamento degli abitanti di una trentina di case, circa 70 persone di cui 15 residenti, a causa del progressivo movimento che ha coinvolto un settore di 500 mila metri cubi del ghiacciaio Planpincieux. Lo strato interessato è di dimensioni doppie di quello che lo scorso Settembre aveva causato già apprensione nella popolazione locale. Si prevede che lo stato di allerta dovrà durare circa 72 ore, dopodiché, se il ghiacciaio non sarà crollato, si potrà tirare un sospiro di sollievo

In relazione alla nuova situazione, è stata definita una nuova area a rischio, di cui una zona rossa che sarebbe travolta direttamente dalla frana e una seconda area, più diffusa, a rischio di essere avvolta dall’areosol che si genererebbe con il crollo.

Sistemi di monitoraggio all’avanguardia

I sistemi di monitoraggio del ghiacciaio furono implementati proprio lo scorso anno per far fronte all’evidenza di un fenomeno a rischio. Ai tradizionali sistemi fu infatti aggiunto un sistema radar interferometrico in grado di monitorare il ghiacciaio anche di notte e col cattivo tempo, quando i normali sistemi fotografici non sono in grado di funzionare a dovere. A Settembre l’emergenza rientrò, si spera possa accadere anche ora. Intanto gli sfollati sono stati temporaneamente accuditi nella struttura del palaghiaccio, in attesa di definire il piano per la protezione dei residenti, I turisti stanno provvedendo autonomamente a trovare una nuova sistemazione.

Perché il ghiacciaio sta crollando

Come spiegano gli esperti, la fisiologia di questo ghiacciaio non è né anomala né innaturale, ma dipende dal fatto che il ghiacciaio sia posto a bassa quota. Queste formazioni sono naturalmente soggette alla generazione di un sottile strato d’acqua che scorre tra il ghiaccio e la roccia sottostante. Il movimento del ghiaccio è una cosa normale e avviene proprio per lo scivolamento della massa di ghiaccio sul sottile film liquido. Finché l’acqua è poca e il ghiacciao è solido,il movimento è lento e non c’è pericolo di crolli; gli sbalzi termici di questi giorni, però, hanno indebolito il ghiaccio, facendo aumentare il volume d’acqua che circola al di sotto e aumentando la velocità con cui il ghiaccio si muove. Da qui l’allerta e l’evacuazione rapida della popolazione

Ghiacciai, emergenza mondiale

Nonostante la dinamica non sia innaturale, a far scaturire l’emergenza è stato il trend, quello sì anomalo, delle temperature di questi giorni. Ricordiamo come il riscaldamento globale stia causando, in tutto il mondo, la rarefazione costante di tutti i principali ghiacciai e la riduzione imponente delle calotte polari, con effetti irreversibili sul clima e sugli ecosistemi.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!

Football news:

L'interesse di Barcellona per Isacco è aumentato dopo la nomina di Kuman. Larsson alta opinione sul giocatore (Mundo Seportivo)
Manuel Pellegrini: quando si gioca contro il Real Madrid e VAR - è troppo
PSV e Porto sono Interessati al centrocampo di Barcellona Puig. Egli non vuole lasciare il club
Puyol su Barcellona: se vogliamo vincere il campionato, dobbiamo parlare molto bene
Schalke ha licenziato Wagner. La squadra da gennaio non ha vinto la Bundesliga
Yakini su 3:4 con Inter: anche il pareggio sarebbe un risultato ingiusto considerando quanti momenti ha creato la Fiorentina
Ramos Pro 3:2 con Betis: L'arbitro ha fatto del suo meglio e non ha fatto nulla di intenzionale