Italy

Altro pari per la Juventus, con l'Hellas Verona finisce 1-1

Serie A

I bianconeri di Pirlo, reduci dallo stop di Crotone, vengono fermati anche dagli scaligeri: ospiti avanti con Favilli, risponde Kulusevski. Campioni d'Italia ora al quinto posto con Atalanta e Samp a 9 punti, veronesi a quota 8

25 ottobre 2020Ancora un passo falso della Juve che allo Stadium non va oltre l’1-1 contro il Verona nel posticipo serale della quinta giornata. Bianconeri al 5° posto con Atalanta e Samp con 9 punti, l’Hellas sale a quota 8.

  Pirlo, come annunciato alla vigilia, si affida al tandem offensivo Dybala-Morata, con l’argentino che torna titolare a distanza di oltre tre mesi. A supporto c’è Ramsey, mentre sulla sinistra agisce Bernardeschi. Kulusevski parte dalla panchina. Atteggiamento speculare per il Verona di Juric, che schiera un 3-4-2-1 con Colley e Zaccagni dietro l'unica punta Kalinic, che vince il ballottaggio con Favilli. Bianconeri in campo col 3-4-2-1: Szczesny; Danilo, Bonucci, Demiral; Cuadrado, Arthur, Rabiot, Bernardeschi; Ramsey, Dybala; Morata. Hellas a specchio: Silvestri; Ceccherini, Lovato, Empereur; Faraoni, Vieira, Tameze, Lazovic; Colley, Zaccagni; Kalinic.

Inizio deciso della Juve che prova a chiudere nella loro metà campo gli scaligeri, messi iin campo in maniera attenta  ed ordinata. Col passare dei minuti escono fuori gli scaligeri che ci provano con Kalinic e con Colley che al 16’ va anche anche a segno, ma il suo gol è annullato per fuorigioco. Chance bianconera al 20’ con una fuga di Bernardeschi in contropiede, ma sul suo sinistro è bravo Silvestri. Brividi per la difesa bianconera prima con Lazovic che pesca Colley, la spaccata del gambiano attraversa tutta la linea di porta (23’), subito dopo Kalinic in area affronta Bonucci ma il suo tiro sporco finisce a lato (24’). Torna a pungere la Juve che è pericolosa prima con un sinistro di Dybala deviato, poi con un cross di Ramsey su cui mancano l’intervento Bernardeschi e Morata. Uomini di Pirlo a un passo dal vantaggio al 42’: Ramsey scatenato sulla sinistra mette un pallone rasoterra, Cuadrado arriva a rimorchio ma il suo bolide di destro colpisce in pieno la traversa. A fine 1° tempo annullato dal Var per fuorigioco un gol gioiello di Morata. Resta lo 0-0.

Nella ripresa si riparte senza cambi con gli stessi 22 in campo. Match sempre in equilibrio. Cambi nell’Hellas con Ilic al posto di Tameze (51’) e poi con Magnani e Favilli che subentrano a Ceccherini e Kalinic (55’).  Szczesny attento su un gran destro da quasi 25 metri di Zaccagni (56’). Verona in vantaggio al 60’: recupera palla a centrocampo Faraoni che serve Zaccagni, assist perfetto per Favilli che arriva a rimorchio e di sinistro firma lo 0-1. Il giovane attaccante però si fa male ed è costretto ad uscire. Entra Barak (62’). In precedenza primo cambio anche per Pirlo che toglie Bernardeschi per inserire Kulusevski (61’). Grande pressione Juve che chiude il Verona praticamente nella sua area. Si fa male anche Bonucci, in campo Frabotta (75’).  Su un gran sinistro di Dybala dal limite arriva la seconda traversa per i bianconeri (76’). Ma è il preludio al pareggio della Juve. Fa tutto Kulusevski che in area disorienta Faraoni con una serie infinita di finte e poi con un sinistro chirurgico sul secondo palo batte Silvestri: 1-1 (77’).  Finale intenso con il forcing dei bianconeri che, trascinati da Dybala e Kulusevski, ci provano in tutte le maniere a ribaltare il match e gli scaligeri che si difendono con le unghie e con i denti. Finisce 1-1.

Football news:

La Juventus per la prima volta in 123 anni di storia del club ha giocato senza italiani in difesa e in porta
Kuman su 4:0 con la Dinamo Kiev: oggi è stato il Barcellona che vogliamo vedere
Holand continua a insistere sul fatto che sia un mostro. Il più veloce nella storia della Champions League ha segnato 15 gol (e ha aggiunto il 16°)
Kuman sulla vittoria contro la Dinamo Kiev: hanno raggiunto il loro obiettivo-è uscito nei playoff
Sulscher su 4:1 con Istanbul: il Manchester United ha giocato intensamente, si è goduto la partita. Vogliamo essere il 1 ° nel gruppo
L'attaccante Ferencvaros ha sfidato Cristiano: festeggia il gol nel suo stile. Ronaldo ha risposto con uno sguardo nudo e molto malizioso
Morata ha segnato 5 gol in 4 partite in Champions League per la Juve. Il suo miglior risultato - 5 per 12 partite nella stagione 2014/15