Italy

Anticipazioni per “Un Giorno in Pretura” del 18 giugno alle 00.10 su Rai 3: l’onnipotente Davide Rissi

Anticipazioni per “Un Giorno in Pretura” con Roberta Petrelluzzi del 18 giugno alle 00.10 su Rai 3: l’onnipotente Davide Rissi

(none)
(none)

Su Rai3 a Un giorno in Pretura con Roberta Petrelluzzi

Il processo a carico di Clizia Forte – secondo l’accusa manipolatrice diabolica, secondo la difesa povera madre di tre figli ingannata e coinvolta in una storia di cui era all’oscuro – è ancora al centro di “Un giorno in pretura”, in onda sabato 19 giugno alle 00.10 su Rai3. Manlio Soldani, il marito, già condannato per rapina e omicidio, la difende e sostiene di essere stato manipolato da un agente dei Nocs che credeva suo amico, Davide Rissi. L’accusa, invece, sostiene che il personaggio di Davide Rissi – che in realtà si chiama Enrico Simoni – sia stato inventato da Clizia Forte per superare le resistenze del marito a commettere la rapina. Ma dov’è la verità?

Un giorno in pretura è un programma televisivo italiano di genere documentaristico-criminologico, in onda su Rai 3 dal 18 gennaio 1988. Ideata da Roberta Petrelluzzi, che ne è anche conduttrice e regista, insieme a Nini Perno. È la terza trasmissione più longeva della terza rete Rai dopo il TG3 e Geo. La trasmissione è l’evoluzione del programma In pretura, andato in onda sempre su Rai 3 dal 1985 al 1987.

La trasmissione è l’evoluzione del programma In Pretura, ideato e curato da Nini Perno e Celestino Spada con la collaborazione di Roberta Petrelluzzi, andato in onda per due edizioni, dal 20 novembre 1985 al 27 febbraio 1987, al mercoledì e successivamente al venerdì, alle 19:35 su Rai 3[1][2].

Nelle sue prime edizioni Un giorno in pretura, condotto da Roberta Petrelluzzi e Nini Perno, veniva trasmesso in prima serata ed era molto più incentrato sull’intrattenimento: a parte rari casi in cui trattava un processo per omicidio, la trasmissione prendeva prevalentemente in esame solo processi della cosiddetta giustizia «minore», quali casi di ubriachezza molesta, furti, ricettazioni, rapine, borseggi, risse, liti condominiali, favoreggiamento della prostituzione, maltrattamenti in famiglia, sgarbi tra colleghi di lavoro, controversie legate ad un’eredità o a cause di separazione tra coniugi, guida in stato d’ebbrezza, oltraggi a pubblici ufficiali, possesso e spaccio di droga, atti osceni in luogo pubblico, violazioni di domicilio, il tutto per rendere più chiaro ai telespettatori il funzionamento e l’andamento della giustizia italiana. Il programma rientra in quel genere televisivo che negli anni Novanta prese il nome di Tv verità[3][4], che ricomprende Chi l’ha visto?Telefono gialloUltimo minutoForum.

un giorno in pretura

Football news:

Medaglia D'oro dei Giochi Olimpici 2020: gli inglesi hanno fatto il giro della Russia, e la Cina ha rallentato con l'oro
PSG meno vogliono vedere il vincitore della Champions League. Il capo del Consiglio di sorveglianza di Eintracht sulla spesa
Ronaldo giocherà contro il Barcellona nella Coppa Joan Gamper
Calvin Phillips sull'inginocchiarsi: ricorda che il razzismo non c'è posto nella società
Monaco ha firmato il capocannoniere AZ Miron Boadu
La Baviera è Interessante Danilo. La Juventus ha richiesto 30 milioni di euro
Tiago è arrivato nella posizione del Liverpool senza riprendersi da un infortunio