Italy

Appendino: «Con Bersani il M5s sbagliò, colpa della nostra iniziale immaturità»

Chiara Appendino come Virginia Raggi, le sindache del Movimento 5 Stelle fanno mea culpa e rinnegano il passato. Dopo le scuse della prima cittadina di Roma a Ignazio Marino, «su di lui mi sono sbagliata», martedì sera l’omologa torinese si è rivolta direttamente al leader Pier Luigi Bersani durante l’assemblea di Articolo Uno: «Ha pagato il prezzo di alcune ingenuità e immaturità iniziali».

Così mentre l’ex premier Giuseppe Conte tenta la costruzione di un M5S nuovo, ripulito e «di governo», due delle figure più battagliere e vicine a Beppe Grillo ripudiano i «Vaffa» che loro stesse urlavano nelle piazze dieci anni fa. Via il passato per guardare al futuro. Un futuro dove la sindaca Chiara Appendino sogna ancora, nonostante il no del leader dem Enrico Letta, un’alleanza con il Pd e le forze di sinistra su Torino: «Quando si entra nel merito delle questioni che interessano ai cittadini, la ragione e il dialogo superano i confini politici. E in questi anni è successo con tante persone. E allora è da quello spirito che dobbiamo partire a Torino, per non tornare indietro su temi come diritti, politiche ambientali, welfare. Ma anche alla luce della sfida del Pnrr. Ecco perché sono mesi che cerco di porre al centro il futuro della città, che ha bisogno di un campo più allargato possibile».

Poi, un momento di imbarazzo e un pizzico di emozione che nemmeno il filtro dell’assemblea online riesce a nascondere: «Saluto Bersani per ultimo e personalmente – conclude la sindaca - perché sono convinta che Conte ci accompagnerà in questo nuovo percorso, un percorso che spero possa ricucire alcune nostre ingenuità e immaturità iniziali di cui ha pagato il prezzo lo stesso onorevole Bersani allora».

Parole che fanno sorridere il leader di Articolo Uno: «Noi abbiamo posto per primi in tempi antichi, mi ha fatto piacere la generosità di Appendino nel riconoscerlo, la necessità di una sinistra plurale e un campo largo. Adesso tutti ne parlano, ma i fatti non ci sono ancora. Servono i contenuti. Cinque stelle, ragazzi – continua Bersani - se non diamo gambe sociali al tema ambientale non arriviamo da nessuna parte. Il Pd, invece, non sembra affrontare la questione di fondo, un chiarimento sul profilo di un partito che sotto la parola “democratico” vive con insostenibile leggerezza contesti sociali che si disarticolano, problemi profondi, e quindi anche una difficoltà nel radicarsi nel tema economico sociale. Letta profili sulla base di nuovi contenuti un partito che possa ambire ad essere davvero un partito di sinistra».

E poi, dà la volata all’alleanza tra M5S, Pd e sinistra su Torino, rammaricandosi del fatto che i dem stiano andando verso un’altra direzione: «Ho paura e penso, credo – conclude Bersani - che non dovremmo ancora rassegnarci. Torino è una delle capitali di questo Paese, devo dirlo io a dei sabaudi? Qua spero ci possa essere uno sforzo ulteriore, perché mi sembra assurdo, dico sinceramente, che si vada malamente a questo appuntamento, non solo per una destra insidiosa che può penetrare nello scompaginamento di un campo progressista, ma anche per un segnale che viene al Paese. E noi non abbiamo bisogno di questi segnali».

Football news:

Le prove sono ovunque. Gareth Bale crede negli alieni ed è pronto a convincere gli altri! Ecco cosa non ti aspettavi
Ronaldo ha colpito 50 penalità per il Portogallo per L'euro e la Coppa del mondo. Ha un gol
I tedeschi hanno dominato il Portogallo nello stile del top club-hanno distrutto i trasferimenti a Gozens e hanno soddisfatto Bjelsa e Conte
Ronaldo ha il più alto xG in euro senza tener conto dei calci di rigore - 2,17 a seguito di 2 turni
A 16 ha avuto un incidente e ha rotto le vertebre, a 17 è il giocatore più giovane nella storia Dell'Euro. La storia di Katsper Kozlowski
Enrique sulle parole di Ferran Torres sul fatto che i difensori della Spagna mangeranno Levandowski: ha molto da imparare. Ad esempio, non dire questo
Il portiere Anton Mitryushkin cerca di trovare un nuovo club