Italy

Apple e Facebook, conti da record, sull’onda di iPhone, computer e pubblicità digitale

ServizioServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTrimestrali tech

Apple supera nettamente i cento miliardi di fatturato trimestrale e i profitti si impennano del 29%. Tesla cresce ma i profitti deludono

di Marco Valsania

default onloading pic
(Afp)

Apple supera nettamente i cento miliardi di fatturato trimestrale e i profitti si impennano del 29%. Tesla cresce ma i profitti deludono

4' di lettura

Big Tech solleva a tutti gli effetti il sipario sulle performance trimestrali. Apple, Facebook e Tesla, tra i gruppi finora hanno guidato non solo il settore ma la Corporate America e Wall Street, hanno riportato contemporaneamente i bilanci dell'ultimo trimestre. E sono bilanci in netta crescita. Oltre le attese su tutti i fronti nel caso Apple e Fb. Con Apple in grande evidenza: ha polverizzato la soglia storica dei cento miliardi di dollari di ricavi in tre mesi, arrivando a oltre 111 miliardi, e riportato un record di profitti che sfiora i 30 miliardi. Ma anche Fb ha messo a segno massimi storci anche in fatturato e utili. Segno dell'avanzata della domanda di tecnologia e servizi digitali nell'era della pandemia e della crisi economica. Tesla ha sua volta battuto le anticipazioni di fatturato, anche se ha deluso sui profitti.

Risultati forti ma Borsa cauta

Neppure le previsioni dei loro exploit, i bilanci sono usciti nell'after market, hanno potuto evitare la peggiore giornata di Borsa in tre mesi, tra preoccupazioni per gli elevati livelli raggiunti dal mercato e sui ritardi nei vaccini e per l'outlook economico. E nervosismo e volatilità sono rimaste nel dopo mercato. Fb ha oscillato bruscamente dopo i risultati, cedendo il 5% per poi risalire in positivo. Tesla ha perso il 5 per cento. Apple ha sua volta viaggiato in altalena sull'onda dei conti. I nuovi bilanci delle tre grandi sono arrivati dopo che Microsoft aveva già polverizzato le attese di utili e fatturato, anzitutto grazie alle attività cloud, e Netflix quelle di abbonati allo streaming. All'appello mancano ora soltanto Amazon e Alphabet a inizio febbraio.

Gli exploit di Apple

Per il colosso di Cupertino la cavalcata dei record è innegabile. Ha riportato nel quarto trimestre 2020 utili per 28,76 miliardi di dollari, in rialzo del 29%, pari a 1,68 dollari per azione. Il fatturato è stato di 111,44 miliardi, in rialzo del 21 per cento. Più in dettaglio, le entrate da iPhone sono state 65,6 miliardi, in aumento del 17%, contro 59,8 miliardi attesi. I servizi hanno portato in dote 15,7 miliardi, in rialzo del 24%, contro i 14,7 miliardi attesi. Sul fronte geografico, le entrate dalla regione della Grande Cina sono lievitate del 60 per cento. Il fatturato internazionale ha rappresentato il 64% del totale, in aumento. Il Ceo Tim Cook si è detto “molto ottimista” sul futuro dei prodotti del gruppo. “Un trimestre da capolavoro” hanno commentato anche gli analisti di Wedbush.

Attese battute

A dare rilievo al risultato è anche il confronto con le attese già solide. Il leader dei gadget tech e della market cap appariva pronto fin dalla vigilia a tagliare il traguardo storico dei cento miliardi di dollari di fatturato e non solo. In media agli analisti avevano però anticipato utili per azione di 1,41 dollari e un incremento del giro d'affari del 12% a 103,1 miliardi, trainato dalla domanda dei nuovi iPhone 12 dotati di 5G e di nuovi computer oltre che di servizi. Una volta sollevato il sipario sui conti, le cifre delle attese sono state surclassate. Il titolo è già in rialzo del 24% in tre mesi e dell'81% in un anno, buono per un valore di Borsa di 2.300 miliardi.

Facebook cresce con la pubblicità

Facebook ha dato alle stampe, da parte sua, profitti saliti del 52% a 11,22 miliardi, pari a utili per azione di 3,88 dollari. Le revenue, balzate di un terzo, sono state di 28,07 miliardi. Il gigante dei social media di Mark Zuckerberg era atteso per il quarto trimestre del 2020 a utili per azione di 3,2 dollari e ad un aumento di circa il 25% delle entrate a 26,36 miliardi. I risultati sono stati sostenuti dal suo dominio nella pubblicità digitale in continua crescita, legata al boom di acquisti online durante la pandemia e che rappresenta gran parte delle entrate. Fb ha però anche avvertito che potrebbe incontrare “significative incertezze” e venti contrari nel corso del 2021 a cominciare dalla pubblicità mirata, e in particolare davanti a cambiamenti nella privacy da parte di Apple nel sistema operativo iOS 14.

Football news:

Gattuso multato per blasfemia a 3 migliaia di euro
Burnley chiedera ' 50 milioni di sterline per Pope. Il portiere è Interessante per Tottenham
Il centrocampista Gladbach Neuhaus vorrebbe andare a Liverpool, il suo ritiro - 40 milioni di euro. È improbabile che il Bayern combatta per un giocatore
Sampaoli ha guidato Marsiglia. Contratto - fino al 2023
Carlos Bianchi: il PSG può segnare il Barça 5-6 gol nella partita di ritorno Champions League
Il direttore dello Shakhtar Srna ha commentato i risultati del sorteggio di 1/8 di finale di Europa League, che i minatori giocheranno con il rum
L'attaccante Eintracht Silva ha segnato il 19 ° gol in Bundesliga. Levandowski-26 gol, Holand-17