Italy

Arriva il via libera dal Cts, capienza cinema all’80% e stadi al 75%: ecco cosa cambia

Le graduali riaperture delle manifestazioni sportive e culturali fanno un nuovo passo verso la normalità

ROMA. Non era quanto chiedevano il ministro della Cultura Franceschini e le società sportive, ma il Cts ieri sera ha nuovamente alzato un po’ l’asticella delle capienze. Al cinema, così come a teatro e nelle sale da concerto si potranno occupare l’80% dei posti anziché il 50 come oggi. Per concertoni, balletti, spettacoli di lirica e quant’altro si svolga all’aperto il limite potrà invece essere portato al 100%. Anche i musei potranno staccare biglietti fino a raggiungere il massimo della capienza, ma «garantendo l’organizzazione dei flussi per favorire il distanziamento». Ovviamente ovunque resta obbligatorio portare la mascherina.

Stadi e impianti sportivi in genere potranno invece arrivare al 75% dei posti occupati mentre nei palazzetti e negli altri impianti al chiuso il limite è del 50%. Tanto negli eventi culturali che in quelli sportivi salta così la regola del posto vuoto accanto a chi non è convivente, in realtà poco applicata negli stadi, dove molti club hanno interpretato fino ad oggi, a modo loro, il limite del 50%, chiudendo interi settori e concentrando poi gli spettatori in quelli rimasti aperti. Un trucchetto riempi curve che in base alle indicazioni fornite dagli esperti del Cts non potrà più essere adottato, perché un 25% di posti dovrà rimanere vuoto in ogni settore, cercando di garantire un minimo di distanziamento. Allo stadio si sta ancora con la mascherina.

Aumenta anche la capienza delle piscine, dove tra un nuotatore e l’altro in vasca non dovranno più esserci 7, ma soli 5 metri cubi di acqua. Ingressi non più contingentati nelle palestre. Una deroga ai limiti di capienza è stata concessa per le «Nitto Atp Finals 2021», il più importante evento di tennis maschile di fine stagione, in programma a Torino dal 14 al 21 novembre.

Mentre gradualmente si riapre, una nuova circolare del ministero della Salute allarga intanto la somministrazione della terza dose a «soggetti di età uguale o superiore agli 80 anni; personale e ospiti dei presidi residenziali per anziani» e «in un momento successivo, una dose booster potrà essere altresì offerta agli esercenti le professioni sanitarie e operatori di interesse sanitario che svolgono le loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, parafarmacie e negli studi professionali, a partire dai soggetti di età uguale o superiore ai 60 anni o con patologia concomitante tale da renderli vulnerabili a forme di Covid-19 grave o con elevato livello di esposizione all’infezione».

Quindi dose booster solo ai sanitari con i capelli bianchi e messi peggio in salute. Ma il richiamo-ter potrà essere somministrato anche a persone «con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti o pre-esistenti, previo parere delle agenzie regolatorie».

La circolare qui non entra nel dettaglio ma dovrebbe trattarsi di malati con forme gravi di diabete, grandi obesi, cardiopatici e persone con serie disfunzioni respiratorie, per fare qualche esempio. Tutto questo dando priorità «al completamento dei cicli vaccinali già autorizzati», ossia a chi deve ancora fare le prime due punture.

Per il «booster» potrà essere utilizzato uno dei due vaccini a Rna messaggero, Pfizer o Moderna, ma la somministrazione dovrà avvenire dopo almeno sei mesi dalla seconda dose. Quanto all’eventuale estensione del richiamo suppletivo alla popolazione generale, la circolare precisa che questa «verrà invece decisa sulla base delle nuove evidenze scientifiche e dell’andamento epidemiologico». Nulla è detto rispetto alla somministrazione in simultanea con l’antinfluenzale, con la quale partirà il Lazio facendo da apripista.

Football news:

Conte è pronto a guidare il Manchester United, ma vuole un contratto di tre anni
Mike Richards: al Manchester United, tutti vogliono essere la stella principale, non correre e prendere la palla. Questa non è una squadra
Modric su 400 giochi per il Real Madrid: tutto è perfetto fin dall'inizio. Ha realizzato il suo sogno di giocare qui
Neville sul Сульшере: Non pensavo che i tifosi del Manchester United si allontanano da me a causa del sostegno a chi ha vinto per noi la Champions League
Sulscher dopo 0-5 dal Liverpool ha detto ai giocatori che dovevano combattere e li ha chiamati per l'unità
Wanda Nara è tornata da Icardi dopo aver accettato il divorzio
Uli Heness: Luca Hernandez deve andare in prigione a causa di qualcosa che è successo anni fa. E ' una stronzata, sua moglie