Italy

Atalanta, il cuore non basta: il Real vince 1-0 nel finale. Gasperini arrabbiato con l'arbitro

L'Atalanta di Gian Piero Gasperini tiene testa al Real Madrid di Zinedine Zidane ma alla fine cede per 1-0 dopo aver giocato per oltre 70 minuti in inferiorità numerica per via dell'espulsione, forse un po' severa, comminata a Freuler dall'arbitro Stiler per un fallo da ultimo uomo su Mendy che sarà poi il mattatore del match. Il cartellino rosso allo svizzero ha sicuramente condizionato la partita dei nerazzurri che escono comunque a testa altissima dal campo dopo aver saputo soffrire in maniera davvero encomiabile.

Il gol subito nel finale compromette la qualificazione e al ritorno l'Atalanta dovrà cercare di vincere con due gol di scarto per qualificarsi ai quarti di finale. Il 16 marzo si giocherà il ritorno al Bernabeu anche se in quella circostanza il Real potrebbe recuperare tanti dei suoi infortunati che non hanno potuto scendere in campo questa sera: da Benzema a Sergio Ramos fino ad arrivare a Militao, Hazard e tanti altri assenti quest'oggi al Gewiss Stadium

Nota a margine, non di poco conto, è stata la grande folla di tifosi atalantini fuori dal Gewiss Stadium per incitare i propri calciatori (esattamente come fatto dai supporter di Milan ed Inter prima del derby di domenica al Meazza). Poco dopo le 17, infatti, nei pressi dell'impianto nerazzurro, alla spicciolata, i tifosi della Dea si sono ritrovati per intonare cori e stare vicini alla squadra fino ad arrivare al numero di circa 3000 supporter bergamaschi.

La cronaca della partita

L'Atalanta è brava a tenere bene il campo nei primi 15 minuti aggredendo il Real Madrid. Al 18' però ecco il primo colpo di scena: grande azione del Real con Freuler che stende Mendy al limite dell'area: per l'arbitro è fallo e cartellino rosso. Grandi proteste della panchina nerazzurra per un espulsione assolutamente eccessiva. Nacho al 25' penetra in area di rigore e va al tiro da pozione un po' defilata: palla fuori. Il Real aumenta la pressione con Isco che al 38' prova la girata di sinistro in area di rigore: conclusione deviata in angolo. Vinicius va al tiro di destro da ottima posizione ma viene murato in corner da Pessina. Minuto 41' bella palla in corridoio di Pessina per Muriel che si gira in un fazzoletto e va al tiro: palla a lato.

Nella ripresa il pallino del gioco è sempre nelle mani del Real Madrid con Modric e Vinicus che sfiorano due volte il gol a al 48' e al 52' con due grandi chiusure di Maehle e Gosens. L'Atalanta si difende bene, con le unghie e con i denti e concede davvero le briciole al Real Madrid che ci prova solo con tiri imprecisi da fuori area con Modric e con Kroos che al 79' non trova però lo specchio. La Dea tiene botta fin che può ma all'86' subisce il gol da Mendy che riceve palla da Modric e si inventa un destro imparabile per Gollini.

Atalanta: Gollini; Tolói, Romero, Djimsiti; Maehle (86' Palomino), De Roon, Freuler, Gosens; Pessina; Muriel (56' Ilicic (86' Malynovski), Zapata (30' Pasalic)

Real Madrid: Courtois; Vázquez, Varane, Nacho, Mendy; Kroos, Casemiro, Modric; Asensio (78' Arribas), Isco (78' Duro), Vinícius Junior (58' Mariano Diaz)

Reti: 86' Mendy (R)

Espulso Freuler al 18'

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Football news:

Il PSG non partecipa alla Super League Dell'Europa: calcio - per tutte le squadre
Sulscher dopo 3:1 con Burnley: il Manchester United è in buona forma. Vogliamo finire la stagione con una vittoria in Europa League
Monaco Golovina non perde 7 partite. Il punteggio totale-16:0
Gary Neville: L'Arsenal entrerà nella Super League? Ha appena pareggiato con Fulham
Togliere gli occhiali da tutti i Big Six. L'ex difensore del Manchester United Gary Neville ha condiviso la sua opinione sulla Super League Europea
Immobile ha segnato 150 ° gol in Serie A
Gasperini Pro 1:0 con la Juve: Atalante è riuscito a trovare un equilibrio in un gioco impegnativo. Abbiamo avuto più possibilità