Italy

Atalanta-Psg, la Dea si ferma a pochi minuti dal sogno: i francesi rimontano al 92esimo il vantaggio di Mario Pasalic

Champions League

Atalanta-Psg, la Dea si ferma a pochi minuti dal sogno: i francesi rimontano al 92esimo il vantaggio di Mario Pasalic

Al vantaggio atalantino hanno risposto al 90esimo Marquinhos e Choupo-Mouting due minuti dopo. Svanisce così il sogno bergamasco, dopo una partita a tratti dominata contro i più blasonati francesi

Dal paradiso all’inferno in due minuti. Al 90esimo l’Atalanta era con un piede già in semifinale di Champions grazie al vantaggio firmato da Mario Pasalic e protetto con le unghie, ma allo scadere Neymar e compagni hanno portato a termine l’assedio del secondo tempo con un uno-due micidiale: prima Marquinhos pareggia i conti e poi Choupo-Mouting completa la rimonta.

I ragazzi di Gasperini erano a un passo da quello che alla vigilia tutti consideravano un miracolo. Nel giorno del ritorno in Champions dopo una pandemia che ha colpito più di altri proprio Bergamo, per la Dea questa vittoria avrebbe assunto un significato ancora più grande, non limitandosi ai meriti sportivi. Meriti che c’erano anche stati, perché nel primo tempo i nerazzurri hanno messo alle corde il molto più blasonato Psg. Molte di più le azioni create dai ragazzi di Gasp che, come spesso succede, ha concesso un paio di occasioni a uno straripante Neymar che però non ha saputo sfruttarle.

I bergamaschi giocano da squadra, lottando e creando, i francesi si affidano solo agli spunti di O’Ney. Cambia nel secondo tempo, quando il Psg mette in campo anche il gioiello Mbappe che porta avanti l’attacco alla porta di Sportiello. Ma è solo dopo l’infortunio di un fondamentale Remo Freuler che i ragazzi di Gasp non riescono più a contenere l’avanzata del Paris che mette a segno due gol nel giro di due stendendo gli italiani che, però, escono a testa altissima dalla madre delle competizioni europee.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Atalanta-Psg, i bergamaschi inseguono la semifinale di Champions: “Giochiamo per l’Italia”. Le formazioni e dove vederla: tv e ora

next
meteo

Football news:

L'interesse di Barcellona per Isacco è aumentato dopo la nomina di Kuman. Larsson alta opinione sul giocatore (Mundo Seportivo)
Manuel Pellegrini: quando si gioca contro il Real Madrid e VAR - è troppo
PSV e Porto sono Interessati al centrocampo di Barcellona Puig. Egli non vuole lasciare il club
Puyol su Barcellona: se vogliamo vincere il campionato, dobbiamo parlare molto bene
Schalke ha licenziato Wagner. La squadra da gennaio non ha vinto la Bundesliga
Yakini su 3:4 con Inter: anche il pareggio sarebbe un risultato ingiusto considerando quanti momenti ha creato la Fiorentina
Ramos Pro 3:2 con Betis: L'arbitro ha fatto del suo meglio e non ha fatto nulla di intenzionale