Italy

Bielorussia, proteste contro il presidente Lukashenko che vuole essere rieletto: governa dal 1994

In mille hanno sfilato a Minsk contro la ricandidatura del presidente, che governa da 26 anni reprimendo qualsiasi forma di dissenso. A guidare la protesta il blogger Syarhey Tsikhanouski e l’oppositore Mikalay Statkevich

Sta facendo campagna elettorale per essere rieletto ad agosto a capo dello Stato: il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko punta così al sesto mandato consecutivo, visto che governa la Bielorussia col pugno di ferro dal 1994 reprimendo regolarmente ogni forma di dissenso. Ma contro di lui domenica 24 maggio hanno manifestato oltre mille persone nella capitale Minsk. A guidare la protesta il blogger Syarhey Tsikhanouski, recentemente incarcerato per una “manifestazione di massa non autorizzata”, e l’oppositore Mikalay Statkevich, entrambi esclusi dalla corsa alla presidenza dalle autorità bielorusse. Alcuni dei dimostranti hanno firmato un documento per sostenere la candidatura della moglie di Tsikhanouski, Svitlana Tsikhanouskaya.

Statkevich sfidò invece Lukashenko alle presidenziali del 2010, fu arrestato dopo aver partecipato a una protesta contro i risultati elettorali e trascorse cinque anni dietro le sbarre dopo essere stato condannato per “organizzazione di tumulti” in un processo duramente criticato dai difensori dei diritti umani.

La maggior parte dei manifestanti ieri indossava delle mascherine per evitare l’ulteriore diffusione dell’epidemia di Covid-19, che Lukashenko ha bollato come “una psicosi”. Proprio per questo ha voluto che le celebrazioni del 75° dalla fine della Seconda Guerra Mondiale si svolgessero regolarmente, con la sfilata di centinaia di soldati e di cittadini ad assistere alla parata. Anche Mosca, la più stretta alleata di Minsk, si era detta preoccupata per la scelta di Lukashenko e aveva deciso di annullare le celebrazioni.

In Bielorussia i casi confermati di Covid-19 sono almeno 36mila e le vittime 200, ma il presidente non ha ordinato nessuna misura di contenimento. In tv ha dichiarato che i medici hanno già trovato una combinazione di farmaci per curare la malattia e continua a consigliare pubblicamente la vodka, sia per lavarsi le mani che per ammazzare il virus, bevendone dai 40 ai 50 millilitri al giorno. In più nelle scorse settimane ha consigliato ai bielorussi di frequentare la sauna almeno due volte a settimana per restare in salute.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Coronavirus: Trump vieta gli ingressi dal Brasile. “Evitare che stranieri diventino fonte di infezione in Usa”

next

Football news:

Il test di Vinicius per il coronavirus ha mostrato anomalie. Il Real Madrid attende nuovi risultati entro la sera
Pellegrini era a capo di Betis. Contratto – fino al 2023
Paul Pogba: il Manchester United dovrebbe sempre cercare di progredire e non sentirsi soddisfatto di ciò che è stato fatto
Messi potrebbe dire: barca ha bisogno di un nuovo presidente e allenatore. Leo ha un pulsante rosso, ma non preme su di esso. Fonte The Athletic sull'influenza di un giocatore nel Club
Klos di Arminia fino a 25 anni ha giocato per i dilettanti, ha bevuto nei fine settimana, e ora è pronto per la concorrenza con Levandowski
Van Persie ha nominato i primi tre favoriti per ottenere il pallone D'Oro: Lewandowski, De Bruyne e Manet
Hazard ha lavorato in un gruppo comune prima di Alavez. Zidane può includerlo nella composizione