Italy

Bonus partite Iva e voucher baby sitter, arriva il Pin semplificato per le domande: ecco come funziona

L’Inps vara una nuova procedura semplificata per inoltrare dal suo portale le domande online per il bonus da 600 euro di sostegno previsto dal decreto «Cura Italia» a favore delle partite Iva, degli autonomi, dei lavoratori agricoli, del turismo e dello spettacolo. E per ottenere il bonus baby sitter, le cui domande prenderanno il via già da lunedì. A inizio settimana è previsto il via libera alle domande, garantite a tutti, quindi senza click day, anche per le indennità delle altre cinque categorie di lavoratori coinvolti.

Finora per aver accesso a tutta una serie di servizi Inps era necessario essere in possesso del cosiddetto Pin dispositivo. Ma per ottenerlo servono due passaggi: bisogna fare richiesta sul portale Inps o al Contact center dell’istituto, che invia subito la prima parte del codice via email o tramite Sms. Però poi si devono attendere gli altri 8 numeri, che compongono la seconda parte del codice, spediti via posta ordinaria. Da qui la procedura semplificata, che permetterà l’invio delle domande di indennità con il nuovo Pin semplificato, da richiedere subito e oc un solo passaggio sul sito dell’Istituto di previdenza (www.Inps.it) o telefonicamente al contact center (al numero verde 803164 o al numero 06164164).

La procedura semplificata è riservata soltanto per la richiesta di indennità prevista dal decreto Cura Italia per le seguenti categorie:
- indennità professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa
- indennità lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’AGO
- indennità lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali
- indennità lavoratori del settore agricolo
- indennità lavoratori dello spettacolo
- bonus per i servizi di baby-sitting

Ma per presentare la domanda restano valide anche le altre modalità di accesso al portale Inps: il Pin dispositivo se si ha già; la Spid2 o di livello superiore; la carta di identità elettronica; la carta nazionale dei Servizi.

Se la procedura semplificata di accesso al portale è valida solo per le categorie previste dal decreto cura Italia, l’istituto guidato da Pasquale Tridico si prepara ad agevolare la vita di tutti i contribuenti, con una nuova procedura di emissione anche per il Pin dispositivo, che prevede il riconoscimento a distanza, senza perciò bisogno di recarsi fisicamente presso una sede Inps, come avveniva finora. In questo modo di potrà ottenere in un unico processo da remoto un nuovo Pin, senza dover attendere gli ulteriori 8 caratteri che ordinariamente venivano spediti a casa con la posta. Il nuovo servizio entrerà in funzione a breve, spiega l’Istituto.