Italy

Buckingham Palace, è l’ora di Anna: dopo Carlo, la regina si affida a lei

Prende the Tube, la metropolitana di Londra, come un’inglese qualsiasi. Anna, Princess Royal dal 1987 per volere di Elisabetta II (sua madre) è sempre andata per la sua strada. E non le dispiacerà se — colpa della crisi sanitaria — la festa per i suoi 70 anni il 15 agosto, a Buckingham Palace, salterà. Si consolerà veleggiando per i mari del Nord con il secondo marito Sir Timothy Laurence.

Il sangue freddo si rivelò utile una sera di marzo del 1974, quando con il primo marito Mark Phillips rischiò il rapimento. Sul Mall diretti a palazzo, furono fermati a colpi di pistola da Ian Bell che sperava in un riscatto di 2 milioni di sterline. L’uomo afferrò la principessa per un braccio, ma lei si liberò a calci e strattoni. Merito del training al quale ogni Windsor è sottoposto: anche Meghan, racconta il libro «Finding Freedom» appena uscito Oltremanica, si è misurata con la prova di sopravvivenza a un tentato attacco terroristico (due giorni con le forze speciali Sas).

La verità è che Anna ama l’azione, più che la moda. Così lontana dalle principesse trendsetter. E a proposito dei Sussex, dopo il loro «gran rifiuto» Anna ha detto che «le nuove generazioni non capiscono, vogliono sempre provare a fare in modo nuovo». Parole taglienti.

Gran lavoratrice, la prima inaugurazione a 18 anni, è una workaholic nonostante sia solo 14ma nella successione. Sempre pronta a partire per Save the Children UK, di cui è patrona dal 1970. Adorata da papà Filippo, il «principe Dynamo» come diceva Patricia Mountbatten, per il politico vicino al duca di Edimburgo, Gyles Brandreth, tra Anna e il padre c’è sempre stata competizione, Anna e Filippo hanno sempre totalizzato il più alto numero di impegni ufficiali. Nel 2019 sono stati 506 quelli di Anna. Ad accomunarli anche i guai al volante: lei per una brutta multa per eccesso di velocità anni fa, il padre per un incidente d’auto... guidata a più di 90 anni.

Interpretata da Erin Doherty in The Crown 3, un anno prima del tentato rapimento Anna era apparsa al balcone di Buckingham Palace, fresca sposa del capitano Mark Phillips, Oro ai Giochi di Monaco. Ma di un’angelicata castellana non ha mai avuto molto. Alla guida della British Olympic Association, membro del Cio dopo la partecipazione a Montreal nel 1976 — prima Windsor alle Olimpiadi — il suo amore per l’equitazione arrivò (con una decorazione a tema) in cima alla torta nuziale. E a proposito di sì reali la designer dell’abito di Diana, Elizabeth Emanuel, mi svelò che lady D provò il vestito da sposa nella camera di Anna.

Cresciuta in solitudine mentre la madre (con la quale avrebbe pranzato a Windsor per un brindisi informale di compleanno) si dedicava al lavoro di regina, «Anna ha le migliori qualità dei genitori ma è indubbio che sia una goccia d’acqua con papà Filippo», dice al Corriere da Londra lo storico Hugo Vickers. Ed Elisabetta, dopo l’uscita di Harry e Meghan, punta su di lei. Un ruolo in prima fila che sarebbe piaciuto al principe Andrea messo però fuori gioco dall’affaire Epstein. «E quando Carlo salirà al trono il suo peso non diminuirà di una virgola, è così strategica per la Corona», dice l’ex segretario Nick Wright.

Prima di Meghan, Anna non volle titoli per i figli: Peter, che ha fatto notizia per la promozione del latte in polvere cinese, e Zara che ha gareggiato ai Giochi di Londra 2012. E a proposito di Meghan e i Windsor, emerge ora che i veleni iniziarono nel 2018 quando la famiglia si riunì per i 70 anni di Carlo. Anna è avvisata.

Football news:

L'interesse di Barcellona per Isacco è aumentato dopo la nomina di Kuman. Larsson alta opinione sul giocatore (Mundo Seportivo)
Manuel Pellegrini: quando si gioca contro il Real Madrid e VAR - è troppo
PSV e Porto sono Interessati al centrocampo di Barcellona Puig. Egli non vuole lasciare il club
Puyol su Barcellona: se vogliamo vincere il campionato, dobbiamo parlare molto bene
Schalke ha licenziato Wagner. La squadra da gennaio non ha vinto la Bundesliga
Yakini su 3:4 con Inter: anche il pareggio sarebbe un risultato ingiusto considerando quanti momenti ha creato la Fiorentina
Ramos Pro 3:2 con Betis: L'arbitro ha fatto del suo meglio e non ha fatto nulla di intenzionale