Italy

C’è chi cerca di zittire Michela Murgia: guai a mettere in discussione i simboli militaristi

Nadia Somma

Nadia Somma

Attivista presso il Centro antiviolenza Demetra

Media & Regime

C’è chi cerca di zittire Michela Murgia: guai a mettere in discussione i simboli militaristi

Non si è ancora spento sui social lo shitstorm contro Michela Murgia che la scorsa settimana durante la trasmissione DiMartedì aveva criticato il linguaggio bellico e muscolare del generale Francesco Paolo Figliuolo in guerra contro la pandemia dopo la nomina di Mario Draghi, il 1 marzo scorso, a commissario straordinario per l’emergenza Covid-19. Daremo Fuoco alle polveri, Fiato alle trombe, Chiuderemo la partita o l’ostentazione della divisa sono opportune in un contesto di sofferenza e morte come quello della pandemia? La metafora bellica non è una novità. Da quando si è diffuso il Covid-19 il virus è stato definito “nemico invisibile”, i numeri dei morti negli ospedali sono stati paragonati i numeri dei morti civili nelle guerre e il personale medico e sanitario è stato raccontato con la stessa retorica con cui si raccontano gli eroi di guerra.

E’ più semplice esorcizzare paura, angoscia e impotenza ricorrendo all’immagine della violenza contro un nemico che pare invincibile ma la metafora bellica è distruttiva e in un clima sempre più avvelenato dalla paura e se il nemico è invisibile prima o poi se ne trova uno in carne ed ossa.

Ho lasciato volutamente passare 24 ore dal mio intervento dell’altra sera a DiMartedì, ore durante le quali ho visto le…

Pubblicato da Michela Murgia su Venerdì 9 aprile 2021

Viviamo in mezzo alla sofferenza da mesi e sarebbe opportuno contrapporre al linguaggio bellico il suo opposto che è il linguaggio della cura. A chi si è scandalizzato per la vocazione antimilitarista di Michela Murgia chiedo se abbia mai letto Lidia Menapace, recentemente scomparsa a causa del Covid, che così sintetizzava il sentire di vaste porzioni del femminismo nazionale rispetto agli atteggiamenti violenti di piazza: “Mi sembra di poter rivolgere agli uomini un caldo appello perché finalmente vadano oltre il loro triste, monotono, insopportabile simbolico di guerra, che trasforma tutto in militare: l’amore diventa conquista, la scuola caserma, l’ospedale guardia e reparti, la politica tattica, strategia e schieramento. In questo modo non si va oltre lo scontro fisico in uniforme ed è chiaro che la parte non bellicosa della popolazione non partecipa, il movimento diventa sempre più militarizzato, e si va incontro a un sicuro insuccesso: i poteri forti si rafforzano sulla nostra stupidità. Nella storia dei movimenti di lotta vi sono altre forme: il movimento sindacale e operaio elaborò, ed usa, nella sua lunga vicenda, tutte le forme dell’azione nonviolenta come assemblee, petizioni, scioperi, manifestazioni pacifiche, picchetti e infine sabotaggi. Il movimento femminista, fin dai tempi delle suffragiste, ha trovato altri strumenti ancora per mostrare dissenso, contrasto e agire il conflitto: manifestazioni, grafica, sit-in, musica, resistenza passiva, training autogeno, danza, sarcasmo, canti, visibilità dei corpi nella loro varietà inerme, tutto il molteplice possibile, niente di uniforme o in uniforme”. E chissà se hanno mai letto una poesia di Bertold Brecht o ammirato un quadro di Goya.

Ogni volta che una donna mette in discussione l’ordine patriarcale e i suoi simboli, le si dice “Stai zitta!” come il titolo del libro, pubblicato recentemente da Murgia. Ci sono donne che cedono e sorridono o tacciono e altre che non cedono e resistono. Un’attitudine ardua in un Paese che non riesce a superare la misoginia e che vuole mantenere ad ogni costo la subalternità delle donne. I sintomi di questa antica pandemia culturale che spesso porta morte, sono ovunque. Muore Filippo, il principe consorte che per 73 anni ha camminato tre passi dietro la regina Elisabetta II e i giornali italiani, poco avvezzi a raccontare il protagonismo delle donne e poco abituati a lodare il ruolo ombra quando tocca agli uomini, si sono precipitati a scrivere con compiacimento che il defunto era l’unico che poteva dire alla regina “Chiudi il becco!”. Rassicurando i lettori che in casa il cosiddetto ordine naturale era rispettato, comandava Filippo. “Stai zitta! ” è l’ansiolitico machista per eccellenza ma la nevrosi resta.

I generali invece parlano molto e non a caso. La comunicazione bellica, l’ostentazione della divisa fanno parte di una strategia comunicativa per convincerci che è in atto una reazione risolutiva in un momento in cui sono sempre più evidenti le farraginosità, i ritardi, le lacune del governo centrale e di quelli locali nel fronteggiare la pandemia e la distribuzione dei vaccini. Questo accade non solo per scelte politiche attuali ma per quelle perseguite scelleratamente negli ultimi 30 anni: tagli continui alla sanità, al welfare, erosione del diritto del lavoro, inquinamento ambientale, pochissimi fondi all’Università e alla ricerca. Il brodo di coltura su cui ha attecchito la pandemia lo stiamo nutrendo da decenni facendo la guerra ai diritti e al pianeta.

Una volta finita l’emergenza Covid esploderanno altre emergenze in assenza di politiche che si occupino di cura e chissà contro quale nemico si indirizzerà la risposta forte che ci stiamo abituando a invocare mentre ammiriamo le divise.

@nadiesdaa

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Denise Pipitone e Olesya Rostova, una lotteria vergognosa contro una madre senza più lacrime

next

Football news:

Nello spogliatoio del Real madrid ritengono che Zidane lascerà al termine della stagione (Goal.Com)
Philip Lam: a barca, Pepa avrebbe prodotto 11 Iniesta. In Bayern e City ha sacrificato gli ideali
Ter Stegen sul debito miliardario del Barça: la somma è enorme. Sono contento che non sia io a risolvere questo problema, onestamente
Il giocatore di Pisa è squalificato per 10 partite per una frase sulla ribellione degli schiavi contro il giocatore di colore
L'ex consulente Fiorentina ha ricevuto un anno di libertà vigilata per la morte di Astori. Ha falsificato i documenti che permettevano al calciatore di giocare
Il Barcellona vede Kamaving, Locatelli e Merino sostituire Busquets
In Coppa Italia giocheranno solo le squadre di Serie A e B. I club di Serie C non parteciperanno più al torneo