Italy

Caatalog, la startup per le piccole librerie indipendenti

Promotore per eccellenza della cultura, la libreria indipendente è forse il luogo dove l’amore per la lettura raggiunge il suo apice, concretizzandosi nel volto del libraio di fiducia capace di consigliare accuratamente prima di ogni acquisto: un vero e proprio luogo di scambio e di condivisione.  Stando ai dati che emergono dal primo Osservatorio delle librerie nel periodo marzo-aprile 2020 però, a causa dell'emergenza sanitaria, le librerie italiane hanno registrato 140 milioni in meno di fatturato, pari a 45 milioni di euro di mancati utili lordi. E adesso i librai devono correre ai ripari per colmare quei due mesi di crollo delle vendite. Quasi il 50% di esse inoltre non è stato ancora in grado di andare incontro alla digitalizzazione, perdendo così una grossa fetta di mercato, soprattutto nel periodo di lockdown.

In questa direzione lavora Caatalog, startup fondata da Matteo Cuturello, 27enne milanese, che si rivolge proprio ai librai indipendenti. Primo gestionale in Italia interamente in cloud, Caatalog permette di tenere sotto controllo ogni aspetto della libreria, con qualsiasi dispositivo e da qualsiasi luogo, senza bisogno di essere installato sul PC. La piattaforma, creata tramite un software proprietario, dà inoltre la possibilità di ricevere pagamenti online, attraverso il servizio Caatalog Pay, così da fornire ai librai uno strumento che permetta la vendita dei libri sul web. Per le librerie più strutturate, inoltre, Caatalog offre la possibilità di collegare il  gestionale alla piattaforma di eCommerce.

Matteo Cuturello CaatalogMatteo Cuturello
 

Come è nato Caatalog

“L’idea è nata qualche anno fa durante un corso in università. - spiega Matteo Cuturello, Founder di Caatalog - Con l’obiettivo di connettere lettori e librai, abbiamo creato un social network apposito, che ha ricevuto da subito moltissimo interesse: in pochi mesi avevamo già 5.000 utenti registrati. Da qui è nata l’idea di creare qualcosa che potesse aiutare le piccole librerie indipendenti a competere con i colossi del web, senza perdere la caratteristica che da sempre li contraddistingue: l’umanità. All’inizio, nel dicembre 2017, eravamo i primi a proporre questo servizio completamente in cloud e ho provato a proporlo di libreria in libreria ricevendo molte porte in faccia. E’ possibile che ancora non fossero pronte a questo passo, ma non mi sono dato per vinto e ogni volta cercavo di capire cosa non funzionava per migliorarlo sempre di più, fino a quando le prime librerie hanno iniziato a credere in questo progetto.”

logo caatalog
 

Ad oggi Caatalog è già utilizzato da 30 librerie in Italia, presenti da nord a sud in oltre 16 regioni, e conta entro la fine del 2020 di arrivare a 50 affiliati. Tramite un abbonamento, attivabile dopo un periodo di Free-Trial per i primi 15 giorni, i librai potranno acquistare diversi servizi, inclusa la spedizione per gli ordini ricevuti online, con la possibilità di rateizzare ogni pagamento proprio per venire incontro alle esigenze di queste realtà uniche e da tutelare.

Nel circuito di Caatalog rientra anche Asimo, motore di ricerca che ad oggi ha catalogato già 150.000 volumi, rendendo fruibili moltissimi libri di nicchia quali ad esempio i testi universitari o giuridici, le guide locali, i libri di montagna, guide e manuali per escursionismo, libri per bambini, fumetti, facendo viaggiare così questi piccoli tesori in tutta la Penisola.

Football news:

Chelsea darà Drinkwater al terzo contratto di locazione-Kasympasha. Non ha giocato da febbraio
Neymar: sono diventato un'icona e un idolo nel calcio. Il coraggio è la mia principale virtù
Ole-Gunnar Sulscher: il Liverpool vuole battere tutto. Il manchester United sa che può vincere chiunque
Messi ha perso l'allenamento del Barça di oggi
Nella corsa presidenziale del Barça sono rimasti tre candidati (un altro recitato in lacrime). Ecco i loro programmi e piani per Messi
Rashford-Rooney: uno dei più grandi. Giocare con te è stato un sogno diventato realtà
Zlatan non ha permesso a Kalulu di giocare con i guanti: come può un giovane quarterback debuttare così? Di certo non spaventa gli attaccanti