Italy

Castel d’Ario, addio a Gabriele Pernechele stroncato da un ictus

Ex responsabile dei servizi finanziari del Comune, era stato uno dei primi ad avvicinarsi al Movimento 5 Stelle

NOGARA. Si è spento venerdì mattina per le conseguenze di un improvviso ictus Gabriele Pernechele, ex responsabile dei servizi finanziari del Comune di Castel D’Ario e noto soprattutto per le sue attività politiche e divulgative. Nato il 29 febbraio del 1956, Pernechele aveva 4 lauree e parlava correntemente 5 lingue.

Era stato uno dei primi ad avvicinarsi al movimento 5Stelle, per il quale per anni aveva svolto il ruolo di conferenziere sui temi economici. L’entrata dei 5Stelle al governo aveva visto Pernechele, con alle spalle missioni per l’Onu in Somalia e per l’Ue in Kosovo, che era stato candidato alle Politiche nel 2018 per il Movimento grillino, in posizione critica. Lo scorso anno si era per questo avvicinato alle posizioni di Gianluigi Paragone, venendo nominato responsabile per il veneto di Italexit- Ma i dissidi con lo stesso Paragone lo avevano di nuovo riavvicinato al Movimento 5Stelle. Di recente si era candidato nel Veronese in una lista civica appoggiata da M5S. Lascia la moglie e una figlia. Espressioni di cordoglio cono venute da molti esponenti grillini del mantovano che lo avevano conosciuto e stimato.

Football news:

Al-Sadd Xavi 34 partite non perde in campionato Qatar - è il record del club. Il record di campionato è 41 partite
Nagelsmann su Hernandez: è di buon umore, non sembra preoccupato per la prigione
Tuchel sulla vittoria su Southampton: una partita intensa. Mi è piaciuto vigore il Chelsea
Pioli Pro 1:0 con Torino: Milan ha controllato il gioco. Questa è la nostra quarta partita negli ultimi 10 giorni, con un po' di spazio per la rotazione, e il Torino è un avversario molto forte
Arteta Pro 2-0 con Leeds: abbiamo creato molti momenti, giocato meglio e più forte
Giroux dopo il gol della Vittoria Torino: Milan ha giocato bene. Non tutto è perfetto, ma la cosa principale è la vittoria
Chelsea ha vinto la terza serie di calci di rigore di fila. In tutti i cancelli c'era Kepa