Italy

Castelfranco. Tutti in fila per i vaccini anche alla Festa Pd Quattrocento prime dosi, non solo giovani

Il camper a Bosco Albergati. Cacciapuoti (Ausl): «Abbiamo chiesto ai Comuni di indicarci eventi per intercettare più persone»

CASTELFRANCO.  Sono iniziate alle 19 precise di ieri, come da programma, le somministrazioni dei vaccini alla Festa dell’Unità di Bosco Albergati. Tantissimi i giovani in fila, convinti a immunizzarsi soprattutto in seguito alla decisione del Governo di rendere obbligatorio il green pass per determinate attività. «Ho visto l’iniziativa su Facebook - dice Sebastiano Pirotti, 19 anni - e ho deciso di venire qui con la mia famiglia per vaccinarmi. Cos’è stato determinante nella scelta di farlo? La necessità di avere il green pass per molte attività». Anche Cristian Forchia, ventiquattrenne, si sente costretto: «Sulla costituzionalità del certificato vaccinale ho i miei dubbi. Mi sono sentito vincolato perché senza non posso entrare da nessuna parte».

Oltre ai giovani, presenti anche diverse famiglie. Denis Tomesani è accompagnato dalla propria partner, che è già vaccinata: «Veniamo da San Giovanni in Persiceto. Siamo frequentatori abituali della festa, e io in particolare ho approfittato di questa iniziativa, che trovo, oltre che utile, pure efficace». Raffaele Fontana, invece, lavora nell’ambito della cantieristica ed è accompagnato dal figlio. «Mi ero prenotato - racconta un po’ amareggiato - ma purtroppo le tempistiche sono molto lunghe. Avevo la prima somministrazione a fine agosto. Ho deciso di venire qui per necessità in quanto, per continuare a lavorare, devo essere immunizzato».



Certamente, dunque, il green pass è stato fondamentale nella scelta di vaccinarsi da parte della popolazione, soprattutto quella più giovane. E proprio per questo la Regione ha deciso di andare incontro alle persone, senza doverle aspettare ai punti vaccinali. «Abbiamo chiesto a tutti i comuni della provincia le attività programmate - spiega Imma Cacciapuoti, responsabile assistenza territoriale Ausl di Modena - da qui ai prossimi mesi per riuscire ad intercettare più persone possibili, sia a livello locale che regionale. Oggi l’unica nostra arma per sconfiggere il virus è il vaccino, e le persone l’hanno capito. Difatti, oggi sono presenti più adulti del previsto. Il punto di forza è il fatto che non serve la prenotazione».

In loco erano presenti circa 400 dosi di vaccino, alcune Moderna e altre Johnson & Johnson, con una disponibilità, in caso di emergenza, di altre dosi reperibili presso i punti vaccinali più vicini. «Oggi è partito questo progetto - continua la Cacciapuoti - perché di sieri ce ne sono sufficientemente. Crescerà, la disponibilità, sempre di più nei prossimi mesi. Per questo è importante continuare con questa attività anche nel corso delle settimane successive».

Paventa però, tra alcuni in fila, l’ipotesi che non sia una buona immagine per l’Ausl vaccinare alla festa di un partito politico. «La nostra visione - chiarisce la Cacciapuoti - è molto laica. Mettiamo da parte le bandiere politiche e pensiamo al bene comune che in questo momento è il vaccino». Dello stesso avviso è Moris Saguatti, responsabile della festa del Partito Democratico di Bosco Albergati: «L’Ausl ci ha contattato e noi ci siamo resi subito disponibili ad accogliere il camper per una sera. Peraltro lo stesso partito, con la sua classe dirigente, a livello nazionale si è sempre schierato nettamente a favore della vaccinazione e del green pass. Questo è un bel messaggio».

Nel corso della serata tutto si è svolto secondo le previsioni, con le tempistiche dilatate per qualche problema tecnico iniziale e, soprattutto, per la numerosa partecipazione. Il tutto è stato allestito grazie ad un massiccio impegno da parte dei volontari di diverse associazioni, emozionati nel vedere tanta adesione. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Football news:

Abbiamo finalmente imparato lo stipendio di Messi: guadagnerà 110 milioni in 3 anni (se non se ne andrà prima), riceverà 1 milione nella cripta
Man City spende un sacco di soldi per giocare nel suo stile. Non è adatto a tutti. Benitez su APL
Bale salterà per circa due mesi. Prima di novembre, non giocherà
Salah merita uno dei più grandi stipendi in APL. Mi dispiace per Moe quando il campionato e ' collegato ad Alysson e Van Dyck. Carragher sul Liverpool
Ander Herrera: Messi non si rilassa nemmeno durante Rondo. Ecco perché è il migliore per 15 anni
Gian Piero Gasperini: Miranchuk non è il giocatore principale di Atalanta, ma può esserlo
Il presidente della Legione-Dinamo sui negoziati con Habib: ha lasciato la questione per l'inverno. Sa che ci auguriamo e lo aspettiamo