Italy

Caterina Balivo: «Tosse tutti i giorni, mio figlio Guido Alberto ci fa ha fatto preoccupare»

Il 29 febbraio scorso, prima che l’emergenza Coronavirus stravolgesse le nostre vite e abitudini, imponendoci di restare a casa e non solo, Caterina Balivo ha rilasciato un’intervista ad ‘Ok Salute e Benessere’, in cui ha parlato di un problema di salute del figlio Guido Alberto. Il piccolo di sette anni soffre di tosse cronica da inquinamento. «Quando diventi madre la scala delle priorità viene stravolta totalmente: prima il bene dei figli e poi il tuo. Con il coraggio di una leonessa sarei disposta ad affrontare il più spaventoso dei nemici pur di difendere i miei cuccioli, esattamente come credo farebbe ogni mamma», comincia così la testimonianza della conduttrice di ‘Vieni da me’, che definisce lo «smog» un “mostro invisibile”. 

Caterina Balivo

Caterina Balivo: «Tosse tutti i giorni, mio figlio Guido Alberto ci fa ha fatto preoccupare»

«Guido Alberto, che ora ha sette anni, quando era più piccino soffriva di una tosse continua, persistente. Eppure era un bambino robusto, a cui non mancava mai l’appetito. Tutti gli esami ai quali è stato sottoposto, anche quelli più specifici, hanno sempre dato (fortunatamente) esito negativo. Finché, in occasione di un’ennesima visita, il medico mi ha detto che Guido Alberto soffriva di una tosse cronica dovuta all’inquinamento», ha raccontato Caterina Balivo. Poi la 40enne ha aggiunto: «L’unica cura possibile era una terapia continua con aerosol e, quando possibile, aria pulita: con il passare degli anni, poi, lo specialista mi ha rassicurato che il disturbo si sarebbe attenuato fino a scomparire».

«Ora il mio bambino sta molto meglio e la tosse, proprio come diceva il medico, si sta piano piano attenuando…»

«Così abbiamo seguito alla lettera le indicazioni del dottore e ogni weekend ci siamo organizzati per trascorrere un paio di giorni lontano dalla città, al mare o in montagna, perché in quel periodo vivevamo a Milano, che, per quanto sia una città evoluta e attenta alle tematiche ambientali, è uno dei centri più inquinati d’Europa!», ha dichiarato ai microfoni di ‘Ok Salute e Benessere’ Caterina Balivo. Poi il trasferimento nella capitale, dove la situazione sembra sia oggi migliorata nettamente: la conduttrice è riuscita ad iscrivere il figlio in una scuola immersa nel verde e lontana dal caos delle macchine. «Ora il mio bambino sta molto meglio e la tosse, proprio come diceva il medico, si sta piano piano attenuando. Ma noi siamo una famiglia fortunata. Abbiamo la possibilità di poter andare al mare o in montagna quando vogliamo e possiamo scegliere liberamente dove abitare. Ma perché chi non può permetterselo dev’essere destinato a respirare quest’aria «assassina»? Perché tanti bambini come mio figlio sono costretti a soffrire di tosse cronica?», ha dichiarato la conduttrice, che così assieme ad altri ha dato vita ad una onlus, Cittadini per l’aria, il cui primo obiettivo è quello di difendere il diritto di respirare aria pulita. «Mi sono sentita dire che sono troppo allarmista e che esistono ‘problemi più importanti a cui pensare’. Ma che cosa c’è di più importante della propria salute e di quella della propria famiglia?», ha ribadito energica Caterina Balivo, che, come avrete capito leggendo l’intervista, è una super mamma.

(Foto Instagram Profilo Ufficiale Caterina Balivo) 

Football news:

Il calciatore più sfortunato della Germania ha segnato per la prima volta in 294 partite. La Chiesa ha persino esemplificato la sua pazienza
I club della Liga il 1 ° giugno riprenderanno l'allenamento collettivo
Il Barcellona ha rifiutato di lasciare Fati alla Juventus in cambio di Pjanić
Parte delle partite di APL si terrà in neutro stadi. Liverpool non giocherà in casa fino alla registrazione del campionato
La Liga vuole iniziare una nuova stagione a settembre con il riempimento delle tribune del 30%
Guida APL esclude la possibilità di annullare la partenza in questa stagione
Nel 2001 Beckham ha tenuto la migliore partita per la nazionale. È stato ispirato da una ragazza con una malattia unica – un cuore invertito