Italy

Celebra nozze con sposo in fin di vita: prete accusato di circonvenzione di incapace

Leggi anche

autogrill A14 puglia

Cronaca

Quello che sembrava un compleanno festeggiato in autogrill per aggirare il dpcm nascondeva in realtà un intento di protesta: la rettifica.

Coronavirus Lombardia 31 ottobre

Cronaca

Regione Lombardia ha comunicato il bilancio dei nuovi casi positivi di coronavirus registratisi sabato 31 ottobre 2020.

coronavirus bilancio

Cronaca

Le autorità competenti hanno diramato il bilancio dei nuovi casi positivi di coronavirus registratisi sabato 31 ottobre 2020.

Coronavirus campania 31 ottobre 2020

Cronaca

Regione Campania ha reso noto il bilancio dei nuovi casi di coronavirus registratisi sabato 31 ottobre 2020.

Il sacerdote è stato accusato di circonvenzione di incapace.

Matrimonio

Un prete aveva celebrato un matrimonio tra due anziani: lui di 93, lei di 72 anni. Il guaio è che lo sposo fosse in fin di vita al momento della celebrazione del rito sacro. Il sacerdote è dunque finito nei guai e ora rischia una condanna pari a 16 mesi di reclusione.

Il prelato è stato accusato di circonvenzione di incapace. La pena è stata chiesta, come informa l’agenzia Ansa, dal pm Gabriella Dotto, nei confronti dell’accusato don Pietro Franco, parroco di Boccadasse, comune in provincia di Genova.

Prete nei guai per un matrimonio

Aveva celebrato un matrimonio, ma lo sposo era un vecchietto di 93 anni purtroppo in fin di vita. Ora don Pietro Franco, parroco di Boccadasse, rischia una condanna a 16 mesi di reclusione per circonvenzione di incapace.

Il pubblico ministero Gabriella Dotto ha chiesto, inoltre, quattro anni per la signora Gabriella Radaelli (la sposa), 16 mesi per il figlio dell’anziana e altri 20 per la fidanzata di lui, in qualità di testimoni del matrimonio.

Chi era lo sposo?

Lo sposo, a quanto pare ignaro di tutto, era il signor Carlo Gian Battista Bianchi Albrici. Conosciuto per la sua attività di imprenditore, Bianchi Albrici era un milanese trasferitosi a Genova.

Secondo quanto ipotizzato dall’accusa, il matrimonio si sarebbe celebrato in orario notturno in maniera furtiva. L’obiettivo era rendere la futura sposa erede dell’impero di Carlo Gian Battista. A scoprire il presunto raggiro è stato il figlio dell’anziano, impugnando il testamento e denunciando Gabriella Radaelli. Secondo quanto dichiarato da don Pietro Franco, lui non avrebbe fatto altro che unire in matrimonio due persone che condividevano realmente un amore.

Il giudice sembra pensarla diversamente rinviando dunque a giudizio il prete. L’episodio risale al 2017.

Football news:

Sembra che Cavani sia squalificato per la parola Negrito. Non intendeva niente di male, ma era comunque razzista
La Juventus ha rinnovato l'interesse per il difensore Atletico Savic
Hazenhuttle su 2-3 con il Manchester United: hanno festeggiato come se avessero vinto L'APL. Questo è significativo
Hazard salterà a causa di un infortunio di circa 3 settimane
Bude-Glimt è un campione unico: trascina il portiere russo, un ex pilota militare risponde alla psicologia, Holand guarda tutte le partite
La Juventus può scambiare Dybala con Icardi nel PSG la prossima estate
Joan Laporta: L'Inter ha offerto 250 milioni di euro per Messi nel 2006, ma ho detto di no