This article was added by the user Anna. TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Centrodestra, vertice a pranzo tra Berlusconi, Salvini e Meloni. I tre leader: "Ci incontreremo ogni settimana"

Si sono sentiti in mattinata, poi la decisione di vedersi a pranzo. Silvio Berlusconi è a Roma già da ieri e oggi ha incontrato Matteo Salvini e Giorgia Meloni dopo la sconfitta elettorale a Villa Grande, sull'Appia antica che fu di Franco Zeffirelli e adesso è la residenza romana del leader di Forza Italia. 

Il Cavaliere è tornato così nella Capitale, dopo un'assenza lunga otto mesi. L'ultima sua trasferta romana, infatti, ha coinciso con le consultazioni avviate da Mario Draghi a febbraio nella fase precedente alla formazione del suo governo. L'incontro con Salvini e Meloni si è svolto nella Villa restaurata da poco dove ha trasferito il suo ufficio dopo l'addio a Palazzo Grazioli. Il Cavaliere ha voluto per l'occasione un pranzo a base di risino di Komjak (una sorta di pasta ipocalorica e ricca di proteine), spigola e verdure tricolori (una composizione di fagiolini, broccoli e pomodorini) e, per dessert, le pere cotte al in brulé con marmellata.

Le richiesta di Meloni e Salvini

La prima a chiedere un vertice urgente era stata lunedì la presidente di Fratelli d'Italia, alla luce dell'esito deludente dei ballottaggi. Meloni ha chiesto "maggiore chiarezza e coesione" agli alleati del centrodestra, convinta che la sconfitta elettorale sia frutto anche della "confusione" crescente nell'elettorato che si trova davanti "tre partiti con tre posizioni differenti".

Subito dopo il primo turno della Comunali, invece, Salvini aveva chiesto a FI e FdI di lavorare per arrivare all'identificazione "entro l'anno" dei candidati alle prossime Amministrative, in programma a primavera. Il segretario della Lega crede infatti che il centrodestra sia stato penalizzato nel voto perchè ha schierato "troppo tardi" i suoi candidati civici.

Le elezioni e il Quirinale

Al termine del vertice i tre leader hanno inviato una nota diffusa.  In un clima di massima collaborazione- si legge - dopo un attento esame dei risultati elettorali e delle cause che li hanno determinati, i leader del centrodestra hanno stabilito che, d'ora in avanti, avranno incontri periodici - con frequenza settimanale - per concordare azioni parlamentari condivise". Come a dire, tutto ciò che non è stato fatto finora e che ha portato alla sconfitta elettorale alle comunali.  "La lezione delle amministrative ci è servita - ha detto Salvini - sia la sconfitta nei grandi comuni che l'astensionismo da record. Un centrodestra diviso e litigioso - ha concluso - allontana fiducia e italiani e quindi abbiamo il dovere di lavorare compatti e il primo atto di compattezza lo dobbiamo dimostrare nelle prossime settimane con la legge di bilancio".

Per quanto riguarda gli impegni futuri, la nota precisa che "il centrodestra intende muoversi compatto e per tempo per preparare i prossimi appuntamenti elettorali e politici - si legge nella nota . con particolare attenzione all'elezione del prossimo Presidente della Repubblica".

La legge elettorale

Mentre tra i partiti si discute già della modifica della legge elettorale, i tre leader ribadiscono di essere "indisponibile a sostenere un cambiamento della legge elettorale in senso proporzionale".