Italy

Champions, Inter vince in Germania e spera 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Champions, Inter vince in Germania e spera

Un'ottima Inter gioca una gara gagliarda e supera 3-2 al Borussia-Park il Monchengrandbach lasciandosi aperta la possibilità di superare il girone di Champions. I nerazzurri salgono a 5 punti e anche se ultimi nel gruppo B in caso di vittoria nell'ultima sfida con lo Shakhtar Donetsk potrebbero riuscire nell'impresa. Protagonista della sfida Romelu Lukaku autore della doppietta che ha regalato la vittoria alla squadra di Antonio Conte, dopo il gol iniziale di Darmian. Non sono bastati ai tedeschi i due gol di Plea. Il 2-0 dello Shakhtar Donetsk sul Real Madrid rimette però in gioco anche gli ucraini per gli ottavi di Champions con l'Inter costretta a vincere per non uscire da tutto.


La squadra di Conte parte bene e al 7' su un traversone dalla destra di Darmian, Lautaro attacca il primo palo e per ben due volte trova l'opposizione davanti alla porta da parte di Jantschke. Passa un minuto e l'argentino ci riprova ma la conclusione da dentro l'area termina sull'esterno della rete. La formazione di Conte è aggressiva e concentrata e al 16' Lukaku va via sulla destra, entra in area e crossa sul secondo palo per Young che con il destro trova un calcio d'angolo.

Il gol è maturo. Ancora il belga al 17' fa sponda al limite per Gagliardini che apre in area sulla destra per Darmian che con il destro calcia sul primo palo e beffa sotto le gambe un non impeccabile Sommer. La squadra di Conte prova a cercare subito il raddoppio e al 20' Lukaku serve Barella che apre ancora sulla destra per Darmian. L'esterno questa volta prova a servire in area Lautaro trovando l'opposizione di Neuhaus. Al 34' in contropiede dell'Inter con Lukaku che innesca Lautaro al limite: prima conclusione addosso a Lainer, seconda conclusione deviata in angolo da Sommer.

Il Borussia si riorganizza e tenta l'affondo al 37': sinistro dal limite di Stindl, Handanovic respinge con i pugni. Sull'azione seguente Thuram di testa chiama alla parata centrale il portiere nerazzurro. Il portiere nerazzurro si ripete un minuto dopo su un sinistro da dentro l'area di Thuram. Al 46' pero il Borussia pareggia: Stindl, servito al limite spalle alla porta, apre sulla destra per Lazaro, cross sul secondo palo dove Plea di testa mette in rete.

Ad inizio ripresa l'Inter rientra in campo più timida e al 51' sugli sviluppi del corner battuto da Stindl, Thuram di testa manda sul fondo da buona posizione. L'Inter si riaffaccia al 63' con un destro a giro dal limite di Lautaro Martinez, Sommer immobile, ma la palla si stampa sul palo. Passano due minuti e i nerazzurri raddoppiano: al 65' Brozovic recupera palla a centrocampo, verticalizza per Lukaku che si libera di Zakaria e da dentro l'area di destra scarica il diagonale che batte Sommer. Lukaku incontenibile e al 73' arriva il tris: Sanchez verticalizza per Hakimi che serve al centro dell'area il belga che di piatto firma il 3-1.

I tedeschi si riversano nella metà campo nerazzurra e al 76' una leggerezza di Sanchez che perde palla consente a Thuram di verticalizzare per Plea che entra in area e con un bel diagonale infila Handanovic per il 2-3. L'Inter sta bene e vuole chiudere la gara ma al 77' incredibile errore di Young ad un metro dalla porta. Sanchez va via a Zakaria in area, la mette in mezzo dove Kramer prolunga sul secondo palo, proprio sui piedi di Young che manca la deviazione vincente. All'84' brivido per l'Inter, con Plea che mette a segno il gol del 3-3 ma dopo il check del Var la rete viene annullata perché sul tiro di Plea, Thuram era in fuorigioco e partecipava attivamente all'azione. L'Inter tira un sospiro di sollievo e poi porta a casa un successo importante che le consente di sperare ancora.

Football news:

Ricard Puig: una stagione piuttosto difficile, non sono abituato a giocare così poco. Segnare la testa è qualcosa di irreale
Habib: mi sto preparando per il debutto nel grande calcio. Sono un agente libero
L'ex-centrocampista del Borussia Grosskroitz ha concluso la carriera. Il campione del mondo di 32 anni
Marcel sta considerando la nomina di Valverde. L'ex allenatore del Barça non vuole andare in un club che non rivendica i titoli
Kuman su 2:0 con Elche: barca è fortunato ad avere Ter Stegen
Flic su 4:0 con Schalke: dopo 2 sconfitte del Bayern è stato importante restituire la stabilità
Ian Wright: Bruno ha deciso. E hanno detto che non segna nelle grandi partite