Italy

Codice fiscale trascritto male, la prof è vaccinata ma senza Green pass: scrive a Draghi, che le risponde

UDINE. Le sta provando tutte per dimostrare che lei la vaccinazione contro il Covid l’ha fatta e quindi ha diritto a ottenere il Green pass. Antonella Mininni è una professoressa dell’istituto Marinoni di Udine che è finita sulla lista nera del ministero dell’Istruzione, con il suo nome che è stato associato al semaforo rosso della nuova piattaforma pensata per i docenti.

Lei, però, non ci sta, e per superare quello che appare come un mero errore di trascrizione del suo codice fiscale si è rivolta al presidente del Consiglio Mario Draghi, al presidente della Regione Fvg Massimiliano Fedriga, al leader della Lega Matteo Salvini e all’assessore regionale alla Salute, Riccardo Riccardi.

«Mi ha risposto Draghi, scusandosi per l’accaduto e assicurandomi che avrebbe girato la pratica a chi di dovere. Ormai è passata una settimana e non è cambiato nulla. In Fvg si sta interessando del mio problema la segreteria dell’assessore Riccardi, che ringrazio». Mininni insegna in Friuli ma è residente in Lombardia, a Caravaggio. Appena ne ha avuto la possibilità, a inizio marzo, si è sottoposta alla prima dose di vaccino, ricevendo AstraZeneca. «Mi hanno iniettato il lotto che poi è stato ritirato per precauzione – ricorda –. La vicenda ha preso subito una brutta piega».

La professoressa ha ricevuto la seconda dose alla fine di maggio all'ospedale di San Vito al Tagliamento, e come accennato, a oggi, del Green pass nemmeno l’ombra. «L’Azienda sanitaria di competenza, in Lombardia, mi ha iscritto nel fascicolo sanitario elettronico correttamente, ma il problema è sorto a San Vito, dove sono stata registrata con un codice fiscale errato, in quanto al posto delle ultime cifre sono comparsi degli asterischi. Dopo innumerevoli tentativi tra email e telefonate sono riuscita a farmi correggere il codice fiscale, ma non ho ancora ricevuto il Green pass. Ormai la scuola è cominciata e sulla piattaforma nazionale dei docenti risulto contrassegnata da un bollino rosso».

È disperata Mininni, anche per l’incertezza che la circonda: «Il fatto di essere considerata priva della certificazione verde dalla scuola non so che effetti potrà avere a livello economico: di certo la situazione non mi consente di lavorare». Anche perché la donna non ha alcuna intenzione di fare tamponi ogni 48 ore: «La considero una questione di principio: il mio dovere da cittadina l’ho fatto, mi sono vaccinata, mettendo al sicuro me e chi mi sta vicino. Ora chi mi risarcirà per tutto quello che sto passando? Per il tempo perso, per le energie buttate, per le lacrime versate?».

Tra l’altro, oltre all’aspetto lavorativo, non avendo il Green pass, Mininni ha dovuto fare delle rinunce anche nella vita di tutti i giorni: «Non sono potuta andare a Friuli Doc o a prendere un aereo. Sto vivendo una situazione assurda», chiude l’insegnante.

Football news:

Tuchel sulla Coppa di Lega: ogni torneo è importante, non diamo priorità. Chelsea gioca sempre per la vittoria
Miranchuk sembra un corpo estraneo. Sarebbe meglio lasciarlo andare in Russia. Il giornalista italiano sul centrocampista Atalanta
La priorità di Barcellona è la nomina di Klopp. Il suo contratto con il Liverpool - fino al 2024
Il Milan è pronto ad aumentare il salario di Theo di oltre il doppio-fino a 3,5 milioni di euro all'anno
Al-Sadd Xavi 34 partite non perde in campionato Qatar - è il record del club. Il record di campionato è 41 partite
Nagelsmann su Hernandez: è di buon umore, non sembra preoccupato per la prigione
Tuchel sulla vittoria su Southampton: una partita intensa. Mi è piaciuto vigore il Chelsea