Italy

Come funziona la tecnologia che rende la bici di Filippo Ganna la più veloce del mondo

Delle dieci conquistate dagli azzurri ai Giochi Olimpici di Tokyo, la medaglia d’oro nell’inseguimento a squadre su pista del ciclismo è stata quella guadagnata con il minor margine e il maggior batticuore: i 136 millesimi di secondo di vantaggio su 3’42” di gara (nuovo primato del mondo) rispetto al quartetto danese equivalgono allo 0,0006 per cento di differenza, un battito di ciglia. L’inseguimento (quattro atleti che si alternano a tirare per 4.000 metri su un anello di 250 metri) è disciplina complessa dal punto di vista tattico e ad altissimo contenuto tecnologico. I nostri portacolori (Francesco Lamon, Jonathan Milan, Filippo Consonni e Filippo Ganna) hanno pedalato a 64,856 chilometri di media (la partenza è da fermo!) e nell’ultimo giro - per superare la Danimarca che in quel momento era ancora in testa - il leader Filippo Ganna ha toccato i 69 chilometri l’ora di punta: velocità motociclistica dove l’assetto aerodinamico dell’insieme bicicletta/ciclista diventa cruciale. Non basta avere nelle gambe la forza mostruosa per spingere un rapporto da 63x13 denti che sviluppa quasi dieci metri a pedalata (un ciclista “normale” non riuscirebbe nemmeno a far muovere i pedali) ma bisogna pilotare un mezzo complesso da gestire.

Football news:

Man City vuole 80 milioni di euro per sterling. Barca sarà molto difficile effettuare un trasferimento (Marca)
Ex arbitro Pieri sulla partita Juventus-Roma: se Orsato avesse tenuto il fischio in mano invece che in bocca, avrebbe avuto più tempo
Josep Bartomeu: il Barcellona ha preso in considerazione la possibilità di firmare Mbappe, ma gli allenatori hanno preferito Dembele
Ferdinand su Manchester United: Sulscher deve essere più impegnativo per i giocatori. Questa è la sua composizione, Ole valuteranno di vittorie
Ancelotti sulle ferite di Hazard: Eden è più sconvolto. È stanco di questi problemi
Mourinho ha mostrato di nuovo tre dita durante la partita contro la Juve. Forse, ha lasciato intendere ai fan su treble con l'Inter
Virgil van Dijk: è difficile tornare dopo un infortunio al ginocchio. L'unica cosa che posso fare è fare del mio meglio per aiutare la squadra