Italy

Come il Lazio gestisce gli assembramenti per lo shopping: dagli altoparlanti dissuasori ai checkpoint presidiati dalle forze dell’ordine

Le immagini delle lunghe file provenienti dal nuovo mega centro commerciale "Maximo", aperto in città da pochi giorni, hanno allarmato i responsabili dell’unità di crisi regionale, frenando qualsiasi idea su un parziale allentamento delle maglie anti-assembramento. E al momento restano gli accessi contingentati per le vie del centro

Altoparlanti “dissuasori” in centro con ingressi contingentati nelle vie dello shopping. E poi centri commerciali chiusi nel weekend e orari dei ristoranti in linea con i decreti governativi. Nonostante i dati confortanti in arrivo dall’ultimo bollettino – la Capitale per la prima volta a novembre sotto i mille contagi giornalieri – Roma e il Lazio non ridurranno le misure restrittive. Almeno finché non arriverà un nuovo Dpcm a ridefinire i criteri per le regioni “gialle”. “A chi dice di riaprire tutto rispondo che errare è umano e perseverare è diabolico”, ha dichiarato il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti. E le immagini delle lunghe file provenienti dal nuovo mega centro commerciale “Maximo”, aperto in città da pochi giorni, non hanno fatto che allarmare i responsabili dell’unità di crisi regionale, frenando qualsiasi idea su un parziale allentamento delle maglie anti-assembramento.

Almeno al prossimo fine settimana, dunque, resteranno attive le misure messe in campo dalla Regione Lazio e dal tavolo fra Prefettura e Comune di Roma il 12 novembre scorso. In particolare, la Capitale ormai da tre weekend ha “contingentato” – anche se il termine non piace alle autorità prefettizie – gli accessi al Tridente Mediceo (l’area che comprende via del Corso e le strade limitrofe fra Piazza Venezia e Piazza del Popolo) e le principali vie del rione Prati. Il numero chiuso viene garantito dalla chiusura le stazioni Spagna e Flaminio della metro A, ma anche da check point presidiati dalle forze dell’ordine e attraverso altoparlanti posizionati a bordo delle auto di polizia e carabinieri che chiedono ai cittadini di “circolare” quando si creano assembramenti.

Sempre a metà novembre, la Regione Lazio è dovuta intervenire per “chiarire” i termini delle aperture dei centri commerciali. Grazie a un cavillo interpretativo della norma nazionale, infatti, alcune grandi strutture di vendita al dettaglio, come la centralissima Rinascente di via del Tritone e il punto Ikea ad Anagnina, erano riuscite a rimanere aperte anche la domenica. Un’ulteriore ordinanza firmata dal governatore Zingaretti, tuttavia, ha chiarito i dubbi, intimando la chiusura nel fine settimana di tutte le strutture commerciali (eccetto quelle a vocazione “alimentare”) la cui estensione superi i 2.500 metri quadri. Le indiscrezioni provenienti da Palazzo Chigi, tuttavia, lasciano intendere che questo vincolo – almeno per le regioni “gialle” come il Lazio – possa cadere al prossimo provvedimento, per dare il via libera allo shopping natalizio.

L’ultimo bollettino – condizionato dalla minore attività domenicale – come detto conferma il trend positivo a Roma e nel Lazio. Su 20.000 tamponi si sono registrati 1.589 casi positivi, con 39 decessi e 1.061 guariti giornalieri e un rapporto tra positivi e tamponi sceso sotto l’8%, “il dato più basso del mese di novembre”, sottolinea il comunicato dell’assessore alla Sanità, Alessio D’Amato. Sempre nel Lazio, fa sapere la Regione, il 50% dei medici di medicina generale e il 60% dei pediatri di libera scelta ha aderito al programma di somministrazione dei tamponi rapidi per i loro pazienti.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Successivo

Ospedali Santi Paolo e Carlo di Milano, la Regione impedisce l’accesso ai consiglieri. Che contestano la commissione: “Non è imparziale, qui serve l’anticorruzione”

next

Football news:

Клаттенбург sul giudice partita Liverpool - Manchester United: Ha dovuto aspettare in un episodio con Manet, ma non vorrei criticare
Ho messo il corpo di Messi, e lui si è arrabbiato e mi ha dato un pugno in faccia. Aggressione evidente. L'attaccante di atletica sul rosso Leo
Messi può squalificare per 2 giochi. L'arbitro non ha indicato che l'attaccante del Barça ha mostrato aggressività colpendo l'avversario alla testa
Pirlo su 0:2 da Inter: L'allenatore deve prima prendere la colpa. Eravamo troppo prevedibili
Sulscher su 0:0 con Liverpool: non ci meritiamo la vittoria. Volevano venire a fare risultato, considerando le loro ferite
Il campo e 'il posto piu' sicuro che abbiamo. Il Liverpool e il Manchester United hanno posticipato la seconda metà della stagione
Messi può essere squalificato per 4 partite per il calcio di un giocatore atletica in testa