Italy

Conte: blocco licenziamenti prolungato a fine marzo, cassa Covid sarà gratuita per datori lavoro

L’INCONTRO CON I SINDACATI

Il premier ha spiegato che l’esecutivo ritiene di dover fare uno sforzo finanziario ulteriore e dare un messaggio a tutto il mondo lavorativo di certezza e sicurezza

default onloading pic
(imagoeconomica)

Il premier ha spiegato che l’esecutivo ritiene di dover fare uno sforzo finanziario ulteriore e dare un messaggio a tutto il mondo lavorativo di certezza e sicurezza

2' di lettura

Blocco dei licenziamenti individuali e collettivi fino a marzo e cassa integrazione di emergenza Covid gratuita per i datori di lavoro. Sono le due soluzioni proposte dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte nell’incontro che ha avuto nel pomeriggio di oggi, 30 ottobre, con i sindacati. «Il blocco dei licenziamenti viene prolungato alla fine di marzo», ha annunciato il premier. Le proposte sono state accolte dai sindacati.

«Il Governo intende fare uno sforzo finanziario ulteriore»

«Stiamo vivendo una situazione complessa, con tanta preoccupazione e sofferenza. Per questo - ha affermato Conte - il Governo ritiene di dover fare uno sforzo finanziario ulteriore e dare un messaggio a tutto il mondo lavorativo di certezza e sicurezza».

Il piano del Governo prevede una nuova proroga della cassa Covid di ulteriori 12 settimane, per arrivare in totale a 18 (sommando le sei previste, da 16 novembre al 31 gennaio, dal decreto Ristori, in vigore dal 29 ottobre e all’esame del Senato). L’operazione allunga i sussidi fino a metà/fine marzo. Il tutto sarebbe previsto dalla legge di Bilancio (costo stimato di circa 4 miliardi, si veda anche Il Sole 24 Ore del 30 ottobre).

Bombardieri, stop licenziamenti è scelta giusta governo

Le soluzioni delineate da Conte, come si è detto, hanno ottenuto il via libera dei sindacati. «Il blocco dei licenziamenti fino al 21 marzo è un risultato importante per le lavoratrici e i lavoratori di questo Paese. Uscire dalla crisi non sarà facile ma ci impegneremo con determinazione e impegno comune. Oggi il governo ha fatto la scelta giusta», ha detto il segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri.

Furlan, dal governo passo avanti fondamentale

Positivo anche il giudizio della Cisl. «La decisione assunta del governo - ha sottolineato la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan - consente di dare sicuramente un minimo di serenità alla nostra gente. Va dato atto al presidente del Consiglio, che ringraziamo, di avere compreso le ragioni e le preoccupazioni espresse in queste giornate dal sindacato». «Il fatto di uscire stasera con una intesa - ha concluso Furlan - ci consente di affrontare le giornate complicate per il Paese e nei luoghi di lavoro con uno spirito positivo. È un passo avanti fondamentale, ci contavamo tanto».

Football news:

Modric sul reale: ci manca solo un po'. Miglioreremo e passeremo una buona stagione
Joel Matip: L'Atalanta è una minaccia per qualsiasi squadra europea
Zidane sul Real senza Ramos: deve correggere le statistiche di gioco senza di lui. Sappiamo quanto sarà difficile
Pep Guardiola: Man City non è ossessionato dalla Champions League. Vogliamo esibirci nel miglior modo possibile
La Lazio potrebbe vendere Alberto a causa delle critiche del club. Juve, Inter e Everton, il centrocampista del Lazio Luis Alberto può lasciare la squadra
Messi sta invecchiando. Barcellona deve pensare al futuro. Eto'o ha invitato i catalani a firmare Mbappe e Mukoko
Hans-Dieter Flick: può essere molto scomodo giocare contro Salisburgo