Italy

Conte ha la stessa media punti di Mourinho ma Massimo Moratti preferisce lo Special One

"Il gap con la Juventus è inferiore anche per merito dell’Inter che sta giocando bene. Inoltre ritengo che quella del gap sia un po’ una tattica di Conte per far concentrare i giocatori". Parole e musica di Massimo Moratti, un signore che l'Inter la conosce bene. L'ex presidente del club nerazzurro si è soffermato sul momento della Beneamata tra campo e dirigenza in un'intervista a TuttoSport. L'uomo che più di tutti viene identificato con l'espressione "interismo" ha parlato di Antonio Conte e a chi lo h paragonato a José Mourinho risponde così: "Lui come Mourinho? No, per Mourinho eravamo sempre i più forti, non mi parlava mai degli altri”.

I numeri, però, dicono che nell’era dei 3 punti a vittoria l'attuale allenatore dell'Inter è il miglior per media-punti a quota 2,18, esattamente come lo Special One nelle stagioni 2008-2009 e 2009-2010. Si tratta di una statistica non definitiva ma che fa capire l’impatto dell’attuale tecnico sul mondo Inter da quando è arrivato.

Moratti si è soffermato sulla situazione societaria e sulla trattativa tra Suning e BC Partners ha affermato: "Sinceramente non so assolutamente nulla di come stia andando avanti la cosa. Ho letto che cercano finanziamenti e un socio di minoranza, ma anche altro. Sono problemi loro, ma è importante che dicano qualcosa e facciano capire cosa stia accadendo. Ormai dobbiamo abituarci all’ingresso dei fondi nelle società".

Il pensiero dell'ex presidente allo Scudetto è piuttosto chiaro (“L’Inter può sempre permettersi di pronunciare quella parola, perché non siamo il Sassuolo. Poi uno sta attento per scaramanzia") e, infine, una battuta su Arturo Vidal: "Il gol sembra gli abbia fatto molto bene. Poi i compagni sembravano molto contenti del suo gol, quindi c’è un buon clima in squadra. Se sono mai stato vicino a prenderlo? No, non mi sembra”.

Football news:

Schalke non vince 10 partite e va per ultimo in Bundesliga. Hanno 10 punti in 24 partite
Monchi si è scusato con Koeman per averlo chiamato piagnucolone. Prima di Messi, anche lui si è scusato
Il giocatore della terza divisione del Guatemala è stato squalificato per 5 anni per aver colpito l'arbitro in faccia
Benzema può giocare con Atletico. È tornato nel gruppo Generale del Real Madrid
Leeds Diaz: Ronaldinho è il mio idolo fin dall'infanzia. Ha giocato con gioia e immediatezza
Rivaldo: mi piacerebbe vedere l'epica rimonta del Barça contro il PSG, ma non ci credo. La vittoria in coppa non salverà la stagione
Marquinhos: ammiro sempre di più la Lega 1. Questo non è male PSG, solo altre squadre a buon livello