Italy

Coronavirus a Napoli: le nuove regole per gettare i rifiuti

Nuove regole per i casi di coronavirus positivi e i sospetti a Napoli: non dovranno più differenziare i rifiuti.

coronavirus rifiuti napoli

La società che gestisce i rifiuti a Napoli ha previsto nuove norme che devono seguire coloro che hanno il coronavirus o presentano i sintomi sospetti. Queste si aggiungono alla sanificazione delle strade in cui ci sono casi di contagio e all’igienizzazione dell’intera città.

Coronavirus: regole per gettare i rifiuti a Napoli

Chi ha contratto l’infezione o è un caso sospetto non dovrà effettuare la raccolta differenziata ma gettare tutti i rifiuti, compresi vetro, plastica, carta, umido e lattina, nell’indifferenziato. In secondo luogo dovrà utilizzare due o tre sacchetti resistenti (da mettere uno dentro l’altro) e porli nell’apposito contenitore. Si raccomanda l’utilizzo di guanti monouso quando si chiudono in modo tale da evitare la trasmissione del virus che per qualche giorno può resistere anche sulle superfici.

Una volta chiusi i sacchetti, i guanti usati andranno gettati in nuovi sacchetti e bisognerà lavarsi le mani.

Per ridurre ancora di più la possibilità di contrarre l’infezione Asìa, l’azienda preposta alla gestione dei rifiuti del capoluogo campano, sta provvedendo a effettuare la raccolta solo con mezzi meccanici. In questo modo gli operatori ecologici non hanno alcun contatto con i sacchetti.

Sempre nell’ottica di tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori, i dipendenti hanno ricevuto circa 8 mila mascherine solo nel mese di marzo. Una volta prelevati i rifiuti questi vengono poi portati al termovalorizzatore in modo che vengano inceneriti.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:

Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Coronavirus, Bari: negoziante in lacrime

Cronaca

Una negoziante di Bari, che ha chiuso la sua attività a seguito del nuovo DL anti Coronavirus, è stata protagonista di una triste vicenda in banca.

coronavirus predappio

Cronaca

Andrea Tesei era originario di Predappio: è tra le più giovani vittime del coronavirus. Era caposcout ed attivo nel sociale: è morto a 26 anni.

coronavirus lettera aperta ricercatori

Cronaca

In una lettera aperta al premier Conte un piano d’azione anti coronavirus: testo è stato firmato da centinaia di ricercatori.

Capire i dati per comprendere l'evoluzione del Coronavirus

Cronaca

Per capire l’evoluzione della pandemia Coronavirus, bisogna sapere come interpretare i dati diffusi dalla Protezione Civile.