Italy

Coronavirus, addio a Fausto Pichler, enorme cordoglio in Trentino: ''Grande pompiere e gigantesco amico, una persona speciale''

MEZZOCORONA. "Oggi è un giorno triste, molto triste, per noi. Se ne è andata una parte importante della nostra storia, un nostro vigile onorario, comandante per 27 anni, un grande pompiere e un gigantesco amico". Così i vigili del fuoco di Mezzocorona saluta Fausto Pichler che si è spento anche a causa del coronavirus.

E' enorme il cordoglio nella piana, così come in tutto il Trentino, che perde un pezzo di storia. Una figura molto conosciuta e stimata per la grande passione e impegno per la comunità. E' stato tra i primi e più grandi sostenitori del gemellaggio con i pompieri di Dusslingen in Germania. "Grazie da parte di tutto il corpo per quello che hai fatto e per quello che hai dato a tutti noi. Ciao Fausto, resterai sempre con noi", concludono i pompieri di Mezzocorona.

"Oggi abbiamo perso una persona veramente speciale. Una vita al servizio della comunità e del prossimo. Ti ricorderemo così, sorridente e fiero, caro amico. Un abbraccio dai tuoi pompieri. Ciao Fausto", commenta invece l'Unione distrettuale dei vigili del fuoco, un ente che cura i rapporti e l'organizzazione tra i corpi di Andalo, Campodenno, Cavedago, Denno e Faedo, Molveno, Mezzolombardo, Mezzocorona e Nave San Rocco, Roverè della Luna, San Michele all'Adige, Spormaggiore, Sporminore, Ton e Zambana.

"Non è vero, Fausto chiamami dimmi che non è vero", questo il messaggio di Mattia Hauser, sindaco di Mezzocorona, che aggiunge: "Ricordami le vasche al monte, tira fuori la tua macchina fotografica, sorridi ancora sotto i tuoi baffoni, insegnami qualche termine dialettale che non si usa più e raccontami ancora un pezzo di storia di Mezzocorona".

Una scomparsa che lascia un vuoto enorme. E' stato anche impegnato nella sezione locale degli Alpini. "Il 13 marzo ci siamo sentiti per il tuo compleanno, com’è possibile?!? Eppure questo virus bastardo è così, non si vede ma c’è e in un attimo entra nelle nostre vite e le stravolge. Ma Fausto ti prometto che vinceremo noi. E superata questa emergenza, ci troveremo insieme ai tuoi amati vigili del fuoco, per ricordarti e ringraziarti, per l’uomo che sei stato, per il tuo altruismo, per la tua disponibilità, per la tua passione e la tua gioia, per essere stato, insieme a tuo fratello Renzo, uno di pilastri della nostra comunità. Un abbraccio Fausto, sono orgoglioso di averti conosciuto. Grazie di tutto".