Italy

Coronavirus, Cannes “non sarà mai un festival virtuale”: niente streaming. Intanto la Mostra di Venezia continua la selezione dei film

Thierry Fremaux mette la parola fine a qualunque congettura su un’edizione della kermesse in versione streaming: "I registi dei film sono guidati dall’idea di mostrare le loro opere su un grande schermo e condividerli con altri in eventi come un festival, non per far finire i loro lavori su un iPhone"

Speciale Coronavirus - iscriviti alla newsletter e ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella.

Cannes non sarà mai un festival virtuale. Thierry Fremaux mette la parola fine a qualunque congettura su un’edizione del Festival di Cannes in versione streaming. E lo fa in un’intervista a Variety dove ricorda che questa modalità poco fruibile fisicamente con sala, code, poltroncine, braccioli e schermo gigantesco, “per Cannes, la sua anima, la sua storia, la sua efficienza, è un modello che non funzionerebbe”. Nonostante diverse realtà festivaliere minori stiano comunque ricorrendo alla formula streaming Fremaux si chiede: “Che cos’è un festival digitale? Una competizione digitale? Dovremmo iniziare chiedendo ai titolari dei diritti se sono d’accordo”. Insomma c’è la ricerca di una sponda in un momento complicatissimo dove sembra ulteriormente complicato prendere decisioni definitive senza tirare in ballo soggetti e colleghi a dare supporto. Fremaux continua riflettendo su come potrebbe essere vedere su uno schermo del pc i film di Wes Anderson, Paul Verhoeven, Top Gun 2 o Soul della Pixar “altrove invece che in sala”. “Questi film – spiega – sono stati posticipati nelle loro uscite per essere proiettati su un grande schermo; perché dovremmo mostrarli prima su un dispositivo digitale?”. Chiaro insomma che in piena emergenza Coronavirus il direttore artistico di Cannes sveli una fetta consistente di line-up che, rifacendosi alle ultime affermazioni ufficiali avute tramite nota stampa del festival, si dovrà vedere tra fine giugno/inizio luglio.

I registi dei film sono guidati dall’idea di mostrare le loro opere su un grande schermo e condividerli con altri in eventi come un festival, non per far finire i loro lavori su un iPhone”, ha continuato Fremaux non nuovo a polemizzare con la tendenza dell’affermarsi di produzioni nate direttamente con investimenti di Netflix, Amazon e compagnia pronti direttamente per lo streaming. Una polemica che ha visto Cannes da diversi anni “resistere” alle nuove sirene del digitale (“non selezioniamo film che non verranno mostrati in sala”), mentre Venezia “capitolare” lasciando addirittura che un film come Roma di Alfonso Cuaron vincesse il Leone d’oro senza avere una distribuzione classica nelle sale. “Se tutti i festival vengono cancellati – sembra come mettere le mani avanti modello muoia Sansone con tutti i filistei – dovremo pensare a un modo per mostrare i film, per evitare di perdere un anno, ma non penso che un’alternativa precaria e improvvisata di Cannes o Venezia sarebbe la soluzione”.

Il fraseggio impostato da Fremaux è diretto ad Alberto Barbera che alcuni giorni fa ha dichiarato all’Ansa che ad oggi il lavoro di selezione per la prossima mostra del cinema di Venezia (settembre 2020) rimane inalterato. “Da parte nostra continuiamo a lavorare esattamente come gli anni scorsi. Mancano ancora due mesi e davanti ci sono tre scenari possibili” – ha affermato Barbera -, “quello più pessimistico con la pandemia ancora attiva, che ci costringe a prendere un bell’anno sabbatico e mettere questa edizione 2020 tra parentesi. C’è poi lo scenario più ottimista, la pandemia si arresta e tutto torna come prima, e infine quello intermedio, che prevede dei vincoli che ora non possiamo prevedere e con i quali ci dovremo confrontare. Insomma entrambe sono variabili non da poco che richiederanno decisioni condivise, ma di fronte a dati certi. E questo prima di fine maggio”. Tempo in cui, sia detto per inciso, su Cannes 2020 spostata fine giugno si avrà già un verdetto definitivo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Da Toy Story al premio Turing, quando Jobs disse ai due grafici vincitori: “I film che state creando dureranno per generazioni”

next

Football news:

Portiere Magonza Müller su 0:5 da Lipsia: dovrebbe gioire che il punteggio non è a due cifre
Le preghiere di Cordoba e zanetti, traina Materazzi, la grandezza di Sneider e Eto'O. dieci anni fa, L'Inter fece trebl
I fratelli Miranchuki e Jikia hanno acquistato attrezzature per gli ospedali del Daghestan
Berg sul futuro: mi piace a Krasnodar. Posso fare bene alla squadra
Il presidente di Lione sul completamento della stagione di League 1 sullo sfondo di un riavvio della Liga: siamo davvero stupidi
I giocatori di Serie A contro l'inizio delle partite alle 16:30 di giugno e luglio a causa del caldo
Aliyev about Dinamo Kiev in Coppa UEFA 2009: non ha raggiunto la finale a causa Dell'errore di Semin. Ha tolto Banguru dal campo