Italy

Coronavirus, dati – 3.190 nuovi casi con 83.223 test, tasso di positività al 3,8%. I morti sono 20, +120 ricoverati: oltre 2mila in totale

Sono 3.190 le persone risultate positive al Covid lunedì 2 agosto, frutto di appena 83.223 tamponi molecolari e antigenici processati nelle ultime 24 ore. Il tasso di positività, anche per via del basso numero di test effettuati, cresce fino al 3,8 per cento. Ieri erano stati 5.321 i casi registrati, con un tasso di positività al 3,17%. Lunedì scorso, quando i tamponi erano solo 88mila, si registrarono 3.117 nuovi contagi e un’incidenza del 3,5%. Sono invece 20 i morti in un giorno (domenica erano stati 5 i decessi).

I ricoverati in area medica sono 120 in più rispetto a domenica: nei normali reparti di ospedale è stata nuovamente superata la soglia dei 2mila pazienti Covid, adesso sono 2.070. I positivi ricoverati in terapia intensiva salgono a 249 in totale: il saldo tra ingressi e uscite nelle ultime 24 ore recita +19.

Caso Sardegna – Sfiora il 12% la percentuale di positività oggi in Sardegna. Precisamente l’11,9%, con 178 nuovi contagiati e 1494 tamponi processati. Ad aggravare il quadro generale, altri due ingressi in terapia intensiva per un totale di 19 ricoverati e due morti. I pazienti ricoverati in area medica sono 77 (+3 rispetto a domenica), 5195 sono i casi di isolamento domiciliare (+75 rispetto a ieri). E la percentuale di occupazione delle terapie intensive nell’Isola è schizzata al 9%, pericolosamente vicina a quel 10% che, combinato con gli altri parametri, fa scattare la zona gialla. Al momento il valore che garantisce la permanenza in zona bianca è la percentuale di occupazione dei posti letto nei reparti di area medica, ferma al 5% (il limite è fissato al 15 per cento). Mentre la Sardegna ha già da molto e abbondantemente superato la soglia dei 50 contagi ogni 100mila abitanti. Secondo una indagine commissionata dall’assessorato della Sanità Ats, il 99% dei ricoverati non è vaccinato.

I dati Agenas – La Sardegna – passata dal 5% al 9% in una settimana – è la Regione che vede la maggior crescita di terapie intensive occupate da pazienti Covid, secondo i dati del monitoraggio giornaliero dell’Agenas. È seguita da Lazio e Sicilia al 5%. Mentre per i ricoveri Covid nei reparti ordinari, le regioni in crescita maggiore sono Sicilia e Calabria, arrivate in una settimana rispettivamente al 10% e 9%, seguite dalla Campania al 6%. Secondo i nuovi parametri nazionali, la soglia critica è fissata al 15% per i ricoveri ordinari e al 10% per le intensive. A fine marzo le terapie intensive occupate da pazienti Covid a livello nazionale erano il 41% e i ricoveri in area non critica al 44%. Da allora, grazie all’accelerazione della campagna vaccinale, è iniziata una continua discesa. Da una settimana a questa parte, però, si sta assistendo a una risalita, in particolare in alcune regioni del Sud. Al Nord si mantengono invece valori al di sotto o uguali a quelli nazionali (pari al 3% per le intensive e al 4% per i ricoveri).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Attacco hacker, Zingaretti: “Nessun blocco per l’erogazione dei Green pass”

next

Football news:

Southgate vuole che più donne lavorino nel quartier generale Dell'Inghilterra
Mourinho la vittoria sul CSKA sofia: la Roma non meritava di 5:1. Non mi è piaciuto il gioco
Steve Bruce: la mia famiglia pensa che io sia malato perché non lascio Newcastle
I fan dei Rangers hanno dipinto L'autobus di Lione con graffiti offensivi
Shomurodov ha fatto due assist per la Roma nella partita LC. Ha 5 (1+4) punti in 6 partite per club
La polizia ha chiuso l'indagine di insulti razzisti contro Marzial e Tuanzebe. I colpevoli non sono stati puniti
Sulscher sul nuovo contratto di Lingard: negoziare. Speriamo che Jesse rimanga