Italy

Coronavirus, G20 stanzia 5mila miliardi: “Faremo tutto ciò che serve per superare pandemia”

Un'iniezione da 5mila miliardi di dollari nell'economia mondiale: questa la risposta al coronavirus messa in campo oggi dal G20, riunito oggi in videoconferenza. Il vertice si è detto "impegnato a fare tutto il necessario per superare la pandemia, insieme all'Organizzazione mondiale della Sanità, il Fondo monetario internazionale, la Banca Mondiale, le Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali", ricordando che il Covid-19 "non ha precedenti" e "non rispetta i confini".

I leader mondiali hanno confermato il loro impegno per ridurre i danni economici e sociali, rilanciare la crescita a livello globale e mantenere stabili i mercati. Per farlo è necessario "combattere la pandemia con una risposta globale trasparente, robusta, coordinata, su larga scala e basata sulla scienza, in uno spirito di solidarietà". Il G20 quindi ha aggiunto: "Siamo fortemente impegnati a presentare un fronte unito contro questa minaccia comune. Stiamo iniettando oltre 5mila miliardi di dollari nell'economia globale: il nostro obiettivo è quello di realizzare un ambiente per gli investimenti e il commercio libero, equo, non discriminatorio, trasparente, prevedibile e stabile e di mantenere aperti i nostri mercati".

Durante il vertice è stato espresso il sostegno alle misure prese dalle banche centrali, così come quelle adottate dal Fondo monetario internazionale e dalla Banca mondiale a sostegno dei Paesi più in difficoltà a causa della diffusione del coronavirus. Intanto la Banca centrale europea ha concesso la massima flessibilità nel suo piano contro la pandemia: salta anche il limite sugli acquisti dei bond per i Paesi dell'Eurozona. "L'evolvere dell'epidemia sta peggiorando le prospettive per l'economia mondiale contenute nelle proiezioni macroeconomiche di marzo 2020 formulate dagli esperti della Bce", spiegano da Francoforte, sottolineando come questo sia avvenuto proprio quando si iniziavano a cogliere i primi segni di una stabilizzazione generale. Nel corso della videoconferenza è anche arrivato un messaggio dal direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, che si è rivolto ai leader mondiali affermando: "Siamo in guerra contro un virus che minaccia di distruggerci, se glielo permettiamo".