Italy

Coronavirus, il festival del cinema documentario Visions du Réel sarà in streaming

Cultura

Coronavirus, il festival del cinema documentario Visions du Réel sarà in streaming

“L’accesso sarà gratuito per 500 persone ogni visione – spiegano gli organizzatori al FQMagazine – il calendario sarà disponibile a breve e ci si dovrà prenotare per tempo, ma chiunque potrà vedere i film previsti ora dopo ora negli spazi di Nyon tranquillamente a casa sua”

Speciale Coronavirus - iscriviti alla newsletter e ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella.

Il festival di cinema ai tempi del Covid 19 si fa in streaming. Mentre in Italia si comincia a parlare realmente di prime visioni direttamente sui pc di casa bypassando le sale, ecco che in Svizzera arriva il primo festival da poter godere direttamente sul divano di casa. Si tratta di Visions du Réel, celebre kermesse internazionale di cinema documentario che si tiene dal 1969 a Nyon, sulla sponda occidentale del lago di Ginevra.

Un festival che durante gli anni di direzione del nostro Luciano Barisone (2010-2017) ha raggiunto anche il picco di 50mila spettatori paganti. “Visions du Réel 2020 non si svolgerà in Place du Réel, nelle sale, nei tendoni e nei locali di Nyon – ha spiegato in una nota la direttrice artistica, Èmilie Bujés – ma si terrà con determinazione su Internet, in tutta la sua generosa diversità, visitando gli spettatori a casa, ed espandendo ulteriormente i territori toccati”. Insomma, si fa di necessità virtù, ma con numeri mica da ridere.

“L’accesso sarà gratuito per 500 persone ogni visione – spiegano gli organizzatori al FQMagazine – il calendario sarà disponibile a breve e ci si dovrà prenotare per tempo, ma chiunque potrà vedere i film previsti ora dopo ora negli spazi di Nyon tranquillamente a casa sua”. Il festival svizzero, tra l’altro, mette già a disposizione sul proprio sito web le schede e la presentazione di decine di titoli che saranno mostrati quest’anno nell’edizione che si sarebbe dovuta tenere dal 24 aprile al 2 maggio 2020 e che invece è stata anticipata online il 17 aprile.

Oltretutto agli spettatori virtuali non mancherà proprio nulla del classico day by day del festival: potranno partecipare agli incontri in diretta coi registi e alle masterclass con gli ospiti. Tra l’altro quest’anno l’omaggio ad una grane artista come Claire Denis sarà sicuramente spunto di confronto tra autrice e pubblico. Anche i giurati lavoreranno da remoto, specificano da Nyon, e si lasciano andare ad una piccola confessione: “Non siamo però i primissimi a spostare il festival online”. Infatti, dal 18 al 30 marzo a si è svolto un festival di documentario altrettanto agguerrito, anche se un po’ più giovane (è nato nel 2003): il CPH: DOX di Copenhagen in Danimarca. Festival che ha tra l’altro appena annunciato, in rigoroso streaming, il vincitore: Songs of Repression dei registi danesi Marianne Hougen-Moraga & Estephan Wagner.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ebook, l’impennata del digitale: leggere fa bene, soprattutto ora

next
meteo

Football news:

C'è una reale possibilità che 50-60 Club falliscano. Il proprietario di Huddersfield sulle conseguenze della pandemia
Valverde sulla partita Con Man City: vogliamo giocare in modo da andare avanti. Il Real farebbe qualsiasi cosa per questo
Grande selezione dalla Roma: Kafu si apre in area di rigore e aspetta un passaggio, ma invece Totti e Baptistuta segnano capolavori
Zabitzer ha avuto il coronavirus ad aprile
Negli anni ' 90, il club russo ha giocato nel campionato di Finlandia: i calciatori hanno portato sigarette, il presidente è andato in campo. E ' finita a causa del default
Flick su Holand: trascorre la prima stagione, quindi è troppo presto per essere paragonato a Lewandowski
Felix ha allungato il legamento del ginocchio durante l'allenamento. Questo è il suo terzo infortunio in una stagione All'Atlético