Italy

Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi 27 novembre: 28.352 nuovi casi e 827 morti

In Italia, dall’inizio dell’epidemia di coronavirus, almeno hanno contratto il virus Sars-CoV-2 (compresi guariti e morti): i nuovi casi sono +28.352, +1,9% rispetto al giorno prima (ieri erano +29.003), mentre i decessi odierni sono +827, +1,6% (ieri erano +822), per un totale di 53.677 vittime. Le persone guarite o dimesse complessivamente sono 696.647: +35.467 quelle uscite oggi dall’incubo Covid, +5,4% (ieri erano +24.031). E gli attuali positivi — i soggetti che adesso hanno il virus — risultano essere 787.893 in totale, pari a -7.952, -1% (ieri erano +4.148), e sono visibili nella quinta colonna da destra della tabella. La flessione degli attuali positivi — sono in calo e con il segno meno davanti per la terza volta in novembre (vedi 23/11 e 25/11) — indica che i guariti, sommati ai decessi, sono in numero maggiore rispetto ai nuovi positivi. Una buona notizia, se non ci fossero così tante vittime.

Meno contagi in 24 ore rispetto a ieri. Ci allontaniamo dai dati del record (40.902 positivi il 13 novembre con tasso di positività al 16%), ma i nuovi positivi sempre sopra quota 20 mila per il sesto giorno di fila. È vero che la curva «si sta raffreddando». L’indice Rt nazionale è sceso a 1,08 nella settimana 16-22 novembre e 10 regioni che hanno già un indice inferiore a 1. Per tenere sotto controllo la diffusione del virus anche i casi giornalieri devono diminuire a cinque-diecimila, secondo Stefano Merler, ricercatore della Fondazione Bruno Kessler di Trento. Come indica il monitoraggio ministero della Salute-Iss che precisa: per la prima volta da molte settimane, l’incidenza dei casi è diminuita a livello nazionale, tuttavia rimane ancora troppo elevata per permettere una gestione sostenibile dell’epidemia.

Qui tutti i bollettini dal 29 febbraio. Qui le ultime notizie della giornata.

Il Corriere ha creato una newsletter sul coronavirus. È gratis: ci si iscrive qui.

Articolo in aggiornamento...

Football news:

Conte su 2:1 con Milano: prima del gol della Vittoria il risultato è stato ingiusto. Il loro portiere è il miglior giocatore della partita
Mikel Arteta: L'Arsenal ha fatto la cosa giusta, ma ha perso. Le vittorie danno fiducia
Nicolo Barella: abbiamo dimostrato che siamo più forti del Milan
Vai a fare la tua merda Voodoo, stronzetto. Ibrahimovic-Lukaku durante la partita di Coppa
Pioli sulla sconfitta da Inter: L'unica differenza è stata la rimozione. In parità di composizione potrebbe essere qualsiasi risultato
La Uefa non ha intenzione di abbandonare L'Euro in 12 città. Altre opzioni sono indesiderabili
Eriksen ha segnato per L'Inter per la prima volta in quasi sei mesi-Milano in coppa al 97 ° minuto con un calcio di punizione