Italy

Coronavirus, Jeremy Renner in bolletta: «disoccupato» chiede la riduzione degli alimenti per l'ex

L'attore americano di «Avengers» vorrebbe che l'assegno di mantenimento passasse da 30 mila a 11 mila dollari: «Non lavorerò ancora per molti mesi»

di Francesco Tortora

Il Coronavirus colpisce anche il mondo di Hollywood. Non solo diverse star hanno confessato di essere positive al Covid-19, ma il lavoro sul set si è fermato a tempo indeterminato. Si è interrotta anche la carriera di Jeremy Renner, celebre per aver interpretato dal 2011 il supereroe «Occhio di Falco» nei film della Marvel. L'attore 49enne ha dichiarato di essere in bolletta e ha chiesto al giudice di ridurre l'assegno di mantenimento che ogni mese versa all'ex moglie, la modella canadese Sonni Pacheco, per la custodia della loro Ava: «Sono disoccupato e non lavorerò ancora per diversi mesi».