Italy

Coronavirus, organizza la festa di compleanno, 8 giovani denunciati a Varese

Polizia

PoliziaPolizia
Un giovane di Varese ha organizzato una festa in casa per il suo compleanno, ma ben 8 coetanei invitati sono stati fermati dalla Polizia e denunciati per essere in strada senza valido motivo.

Se il governatore della Campania, De Luca è diventato ormai celebre in tutto il mondo grazie al video in cui minaccia di mandare i carabinieri col lanciafiamme ad una festa di laurea, a Varese la Polizia è intervenuta per qualcosa di simile (ma senza lanciafiamme) 

Ieri pomeriggio, nel corso dei controlli per il contenimento del contagio da coronavirus, personale delle volanti si è imbattuto in un gruppo di giovanissimi che si sono ritrovati, per festeggiare il diciottesimo compleanno di un amico.

In particolare la pattuglia, transitando da una via periferica della città, ha notato due ragazze e un ragazzo che, alla vista della macchina della polizia, allungavano il passo. Interpellati in merito alla loro presenza in quella via, i tre tergiversavano ma non riuscivano a giustificare il possesso di una busta regalo.

Messi alle strette hanno riferito che quel regalo era per un amico che aveva organizzato la festa del suo diciottesimo compleanno che abitava poco lontano.
I tre, tutti minorenni di cui due residenti fuori città, sono stati affidati ai genitori e deferiti per la violazione delle norme previste dal Dpcm del 23 marzo scorso.

Sospettando che quei ragazzi non fossero i soli a partecipare alla festa di compleanno, gli agenti si sono allontanati da quella zona per farci ritorno poco dopo. Al loro ritorno, gli operatori hanno individuato altri cinque ragazzi che, nonostante un principio di fuga, sono stati fermati ed identificati e, al termine degli accertamenti, denunciati per lo stesso reato.

Anche in questo caso i giovani avevano un regalo per il festeggiato. Quest’ultimo è rimasto sconosciuto, ma sarà ricordato dagli amici per l’incosciente idea di organizzare la sua festa di compleanno, nonostante l’emergenza sanitaria in corso, che è costata loro una denuncia penale.