Italy

Coronavirus, Renzi: “Riaprire fabbriche subito, scuole a maggio”. Gli scienziati: “Follia, non ha imparato nulla da tragedia di Bergamo”

Cronaca

Coronavirus, Renzi: “Riaprire fabbriche subito, scuole a maggio”. Gli scienziati: “Follia, non ha imparato nulla da tragedia di Bergamo”

L'ex premier vuole riaprire tutto: "Dobbiamo convivere con il virus, la gente non può morire di fame in un'Italia ibernata per un altro mese", dice ad Avvenire. Ma la soluzione viene bocciata sonoramente dagli esperti. Lopalco: "False speranze ai cittadini". Cartabellotta: "Quante vite umane vogliono sacrificare per far ripartire economia?". Pregliasco: "Prematuro"

Speciale Coronavirus - iscriviti alla newsletter e ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella.

Le fabbriche riaperte prima di Pasqua, le scuole il 4 maggio. La ricetta di Matteo Renzi è quella del “riapriamo” tutto perché “se restiamo chiusi la gente morirà di fame”. Ma se il problema della liquidità delle famiglie è certo e il governo sta studiando come parare il colpo, la soluzione dell’ex premier – illustrata il giorno dopo i quasi 1000 morti in 24 ore in un’intervista ad Avvenire – viene bocciata dagli scienziati. Con parole durissime.

“Dalla tragedia di Bergamo non ha imparato proprio nulla”, commenta Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe. Mentre l’epidemiologo Pier Luigi Lopalco definisce una “follia” l’idea del leader di Italia Viva che rischia di infondere “false aspettative e speranze” nei cittadini. E anche Gianni Rezza dell’Istituto superiore di Sanità ricorda che oggi “non si può dire nulla, non prima della fine del mese”. Contrario anche il virologo Fabrizio Pregliasco: “Pensare di riaprire le scuole è prematuro. È giusto pensare al futuro ma serve molta attenzione”.

“Questo virus ci farà ancora male. Non per settimane, per mesi e mesi. Il vaccino non c’è e se andrà bene torneremo ad abbracciarci tra un anno, se andrà male tra due…”, esordisce Renzi nell’intervista al quotidiano cattolico e invita a non aspettare “che tutto passi” perché “se restiamo chiusi la gente morirà di fame”. Insomma, a suo avviso, con il coronavirus bisogna “convivere” e quindi “consentire che la vita riprenda” e “bisogna consentirlo ora”.

“Sono tre settimane – dice l’ex premier – che l’ Italia è chiusa e c’è gente che non ce la fa più. Non ha più soldi, non ha più da mangiare. I tentacoli dell’usura si stanno allungando minacciosi, specialmente al Sud. Senza soldi vincerà la disperazione. Serve attenzione, serve gradualità, serve il rispetto della distanza. Ma bisogna riaprire”. L’Italia “non può restare ibernata per un altro mese” perché “così si accende la rivolta sociale”, per questo “le istituzioni devono agire senza perdere nemmeno un giorno”.

Le paure sono ovviamente condivise anche dal resto del governo. Ma mentre esponenti Pd e M5s chiedono e studiano un’estensione del reddito di cittadinanza, il leader di Italia Viva lo boccia (“Non funziona, non garantisce la ripartenza”) e vuole un “piano per la riapertura”. Ovvero: “Le fabbriche devono riaprire prima di Pasqua. Poi il resto. I negozi, le scuole, le librerie, le messe”. La proposta “concreta” è che si torni sui banchi “il 4 maggio”, almeno i 700mila studenti delle ‘medie’ e i 2 milioni 700mila delle ‘superiori’. Una proposta che anche Carlo Calenda definisce “poco seria”.

La risposta degli esperti è tranchant. “Pensare di riaprire le scuole il 4 maggio è una follia e fare proclami in questo momento è sbagliato”, risponde l’epidemiologo dell’università di Pisa Pier Luigi Lopalco. “Dobbiamo essere cauti e dare illusioni se non abbiamo dati – rimarca – oggi abbiamo solo una flebile speranza in Lombardia ma ad esempio a Milano la situazione non è ancora sotto controllo. Come facciamo a riaprire le scuole se non lo abbiamo certezze. Non diamo false aspettative e speranze”. Duro anche il presidente della Fondazione Gimbe: “Riaprire prima di Pasqua? Governo e Parlamento decidano prima quante vite umane vogliono sacrificare per far ripartire economia – dice Cartabellotta – Renzi dalla tragedia di Bergamo non ha imparato proprio nulla”.

Critico anche Gianni Rezza, direttore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto superiore di sanità: “Come epidemiologo devo guardare la salute pubblica e ora occorre rallentare e arrestare l’epidemia. Non possiamo tenere l’Italia chiusa per sempre, ma occorre vedere prima vedere gli effetti delle misure importanti messe in campo dal governo”. In questo momento, aggiunge, “non si può dire nulla non prima della fine del mese. Poi si posso studiare provvedimenti magari ‘stop and go’ o misure complementari. Vedremo cosa accadrà”.

Un discorso “prematuro”, invece, per il virologo dell’Università di Milano, Fabrizio Pregliasco: “Pensare di riaprire le scuole è prematuro. È giusto pensare al futuro ma serve molta attenzione. Dovremmo convivere con il fatto che pandemie come questa possono anche tornare, è accaduto con la Spagnola”. Questo virus, conclude, “non ce lo toglieremo dai piedi velocemente, ma in questa fase è necessario agire per poter arginare la dimensione di morti che c’è stata in Lombardia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Ndrangheta, arrestato a Gioia Tauro il figlio del boss Molè: aveva più di mezza tonnellata di droga nascosta sotto terra

next
meteo

Football news:

Balotelli sulla sospensione dall'allenamento: mi alleno due volte al giorno. Sono invisibile alle telecamere?
Ricorda quando Alisson ha chiamato la sua famiglia dopo aver vinto la Champions League? La moglie era molto preoccupata per quanto lontano, e ha chiesto di vincere ancora una volta la finale
Sancho è il primo giocatore con 15 + gol e assist per la stagione in Bundesliga dall'inizio del conteggio delle statistiche
Sancho ha fatto la prima tripletta in carriera. Ha segnato Paderborn tre volte in tempo
Benjamin Pavar: il Bayern dovrebbe prendere la Bundesliga e la Coppa di Germania ogni anno, ma vogliamo trebl
Sancho dopo il gol ha mostrato a Mike una didascalia dedicata all'omicidio di George Floyd da parte dei poliziotti: giustizia per George
Allenatore del Borussia Gladbach sul gesto di Turam: appoggio. È difficile opporsi pubblicamente al razzismo