Italy

Covid: a Delhi 5 mila morti in due settimane

Delhi ha superato ieri il triste record di 20.000 morti per Covid, con 5.000 vittime registrate solo nelle ultime due settimane.
    Il quotidiano The Hindu ricostruisce che dall'inizio della pandemia sono passati 161 giorni prima di raggiungere i primi 5.000 decessi, poi altri 83 per arrivare a 10.000; da quel momento in poi, dopo il picco di novembre, la curva dei decessi era andata rallentando, con altri 135 giorni prima di toccare i 15.000, verso la fine di aprile. Il 9 febbraio, per la prima volta dal giugno del 2020, la capitale non aveva registrato nessuna morte per Covid-19.
    La città ha iniziato a registrare un'ondata di nuovi casi e un picco di morti dalla fine di marzo: a metà aprile si contavano 300 decessi al giorno, saliti a 400 alla fine del mese, per poi crescere esponenzialmente.
    A fronte di questi dati ufficiali, tutti gli esperti concordano ormai sul fatto che i conteggi delle morti per Covid-19 nell'intero paese siano fortemente sottostimati.
    Anche il BJP, il partito del Premier, che non si pronuncia sui dati nazionale, ha sostenuto, in questo caso per motivi politici, che l'effettivo numero di decessi nella capitale è molto più alto, dei 20mila casi, ma il governatore di Delhi, oppositore del Premier, ribatte che le cifre sono esatte.
    (ANSA).
   

Football news:

Mortin ricorda Euro 2004: ha quasi litigato nelle giunture, si è difeso contro il giovane Cristiano e ha capito l'eccitazione del ponte
Gareth Southgate: non dovremmo essere snob di calcio. Nelle partite con le migliori squadre è importante la diversità
Leonid Slutsky: è ancora convinto che la Finlandia sia l'outsider del nostro gruppo. Sono stati molto fortunati contro la Danimarca
Non sono razzista! Arnautovic si è scusato per gli insulti nei confronti dei giocatori della Nazionale della Macedonia Del Nord
Gary Lineker: Mbappe è una star mondiale, sostituirà Ronaldo, ma non Messi. Leo fa cose di cui gli altri non sono in grado
Un fan Spagnolo va alle partite della nazionale dal 1979. È arrivato in euro con il famoso tamburo (potrebbe averlo perso durante il Lockdown)
Ronaldo ha rimosso la coca-cola sponsorizzata in una conferenza stampa. Cristiano è duro contro lo zucchero-non lo pubblicizza nemmeno