Italy

Covid, dimesso il 17enne finito in Rianimazione. Alle Fiere fila di ragazzini per vaccinarsi

REGGIO EMILIA. Il calvario, per lui e per la sua famiglia, è finalmente finito. Il 17enne reggiano contagiato dal Coronavirus, che era stato ricoverato in Terapia intensiva in gravi condizioni, è stato dimesso ed è tornato a casa.

Il minorenne, uno dei casi più giovani registrati fra i ricoverati nelle Rianimazioni Covid della provincia, era stato ospedalizzato lunedì 19 luglio dopo che le sue condizioni erano peggiorate drasticamente. Anche se non vaccinato, in passato non aveva mai sofferto di patologie gravi e debilitanti e prima di essere contagiato era in ottima salute. Ma il virus aveva fatto effetto in pochissimo tempo, mettendo a dura prova il fisico del ragazzino.



Fisico che ha però reagito prontamente tanto che, dopo quattro giorni in Rianimazione, il 17enne era stato spostato nel reparto di Pneumologia. Qui le sue condizioni hanno continuato a migliorare fino alle dimissioni, avvenute dopo poco più di una settimana passata in ospedale.

Nel frattempo l’adesione dei giovani e degli adolescenti – esclusi gli under 12, ad oggi ancora esclusi dalla campagna vaccinale – sta vivendo una grande accelerazione.

Le prenotazioni da parte dei ragazzi o, in caso di minori, dei loro genitori, stanno aumentando sensibilmente. «Un paio di giorni fa – commenta soddisfatta Cristina Marchesi, direttrice generale dell’Ausl di Reggio Emilia – a vaccinarsi alle Fiere erano praticamente tutti ragazzini. Anche la campagna nel suo complesso sta andando meglio. Prima eravamo fermi a una media di 800/900 prenotazioni al giorno, oggi viaggiamo sulle 2mila richieste quotidiane con punte anche di 4mila. Le dosi stanno andando via tutte e ne abbiamo messe a disposizione altre».

È in via di risoluzione anche il focolaio Covid che si era verificato i primi del mese – per la prima volta dall’inizio della pandemia – fra gli abitanti delle ex Officine Reggiane.

Il 7 luglio erano 14 i senza fissa dimora positivi ai tamponi di controllo che vengono effettuati regolarmente dagli operatori sanitari dell’Ausl, e altri se ne erano aggiunti nei giorni successivi. Quasi tutti i positivi erano poi stati convinti ad andare in isolamenti nell’hotel Covid non con qualche difficoltà dovuta agli allontanamenti volontari di alcuni di loro, non abituati a condurre una vita all’interno di mura e regole. Un problema «rientrato – spiega ora la Machesi – grazie anche al lavoro delle forze dell’ordine. Il focolaio è in via di esaurimenti, i positivi attualmente sono 12 e ogni giorni si aggiungono tamponi negativi».

Buone notizie continuano ad arrivare anche dalla campagna vaccinale portata avanti dal camper dell’Ausl. Che, da un mese, sta girando i mercati e mercatini dalla Bassa all’Appennino per somministrare agli over 60, direttamente sul posto e senza appuntamento, il monodose Johnson & Johnson.

Ieri nella tappa di Sant’Ilario «abbiamo avuto 54 adesioni – conclude la direttrice generale dell’azienda sanitaria – è quando si viaggia attorno ai 50 nuovi vaccinati è un buon successo. Anche perché spesso si tratta di ultra 60enni che non avevano prenotato il vaccino e che, data l’età, in caso di contagio avrebbero avuto più probabilità di essere ospedalizzati».

Da qui a fine mese sono previste altre undici tappe del camper, fra cui quella di domani a Luzzara e quelle di mercoledì e giovedì a Cadelbosco e a San Polo. Ma è in fase di progettazione un allargamento dell’iniziativa anche alla fascia 18-59 anni, utilizzando Pfizer o Moderna.

Esattamente come avvenuto domenica 25 agosto a Rubiera in occasione di uno spettacolo comico, con il risultato record di oltre 250 persone vaccinate in una sola sera.

Football news:

Donnarumma sarà il portiere del PSG nella partita contro Man City. Debutta in Champions League
Jorginho: Preoccupato per le conversazioni, che non sarei in Chelsea senza Sarri
Dybala e Morata hanno traumi muscolari. Non giocheranno con Chelsea e Torino
L'ex difensore del Manchester United Gary Neville ha criticato lo stile delle scuse dei giocatori sui social network dopo le dichiarazioni del centrocampista Mancunian brunu Fernandes per un rigore non realizzato nella partita del 6 ° turno DELL'APL
Il Presidente del Borussia Dortmund Hans-Joachim Watzke ha parlato delle prestazioni dell'ala Jadon Sancho, venduta al Manchester United in estate
La UEFA ha rifiutato il caso contro i fondatori della Super League-Barça, Real Madrid e Juventus
Agnelli sulla Super League: i suoi valori garantiranno la stabilità dell'industria calcistica