Italy

Covid, oggi i tamponi ai giocatori del Napoli. Bassetti: Rischio di mini focolaio

Sono stati effettuati alle 13 di oggi i tamponi ai calciatori e allo staff tecnico del Napoli dopo i 14 positivi al Covid in casa Genoa, squadra con la quale gli azzurri hanno giocato la partita allo stadio San Paolo di domenica. Il martedì e il giovedì il Napoli fa solitamente i test a tutti, e la regola viene mantenuta anche oggi, ma questa volta c’è molta preoccupazione.”Domani avremo i risultati – afferma intervistato da Radio Marte, Vincenzo Mirone, ordinario di Urologia dell’università Federico II, responsabile scientifico della consulta medica e degli screening attraverso tamponi Covid-19 per lo staff ed i giocatori del SSC Napoli -. Venerdì avremo un altro giro di tamponi, con risposte il sabato. La preoccupazione è notevole, durante la partita ci sono stati dei faccia a faccia, come tra Osimhen e Masiello. Attenzione massima. Avendo poi le risposte sabato sarà difficile organizzare la trasferta in casa della Juventus”. Quanto al giocatore del Genova debolmente positivo, “fa un po’ discutere questa dicitura, non abbiamo bene capito – aggiunge Mirone -i tamponi sono estremamente precisi, è una situazione ambigua. C’è carica alta e bassa, ma il problema è evitare il positivo. Poi quello che conta è il secondo tampone, almeno da noi e con la nostra virologia. In questo caso quindi sarà importante il tampone di venerdì”. In merito all’ipotesi che il laboratorio di Genova possa aver sbagliato, per il medico “può essere come hanno detto anche i virologi. Ma anche il dubbio deve stimolare certezze, specie quando parliamo di partite di calcio e atleti. Ecco perché è fondamentale il doppio tampone a distanza ravvicinata”. “Dopo il primo tampone potremmo già avere delle notizie, decisivo però sarà quello di sabato”, torna a ripetere Mirone.

Patenti di negatività date con troppa facilità

“I giocatori del Genoa hanno disputato la partita con il Napoli rispettando il protocollo. Ma alcuni erano già positivi e asintomatici. Ora, lo scenario che potrebbe aprirsi è che anche qualche giocatore del Napoli possa essere stato contagiato e quindi potremmo essere di fronte a un piccolo focolaio limitato. Non credo ci sarà niente di grave. Ma si pone un problema sull’uso dei tamponi, abbiamo affidato molto a questa metodica dimenticandoci di fare i medici e vedere i segni clinici della malattia”. Lo ha affermato all’Adnkronos Salute Matteo Bassetti, ordinario di Malattie Infettive all’Università degli Studi di Genova e direttore della Clinica Malattie Infettive dell’Ospedale Policlinico San Martino di Genova. “Il Genoa Calcio ha rispettato il protocollo – spiega Bassetti – sono stati fatti i tamponi nel giorno della partita e, visto che erano negativi, si è disputato il match. Ma l’esame con i tamponi è tutto tranne che perfetto, si può essere negativi, ma dopo poche ore si può essere positivi. Il tampone deve essere governato dalla clinica perché altrimenti si danno patenti di negatività troppo facilmente. Il mondo del calcio oggi ci sta dando l’esempio dei limiti dello screening con il tampone, abbiamo a disposizione una ‘palestra’ importane di test sugli asintomatici mai avuta prima è importante quindi che si traggano si analizzi quanto accaduto e si arrivi alle conclusioni”.

Football news:

Miranchuk ha debuttato per Atalanta, venendo sostituito in una partita di Champions League con Midtyuland
Miranchuk ha segnato nella partita di debutto per L'Atalanta, venendo sostituito al 80 ° minuto
Lukaku segna 9 partite consecutive nelle competizioni europee. Ha 10 gol durante questo periodo
Allenatore di Salisburgo: abbiamo giocato meglio e ci siamo guadagnati la vittoria sulla locomotiva
Zidane su 2:3 con lo Shakhtar: mi dispiace per i giocatori del Real Madrid, non se lo meritano
Marco Nikolic: con Salisburgo gli ultimi 20-25 minuti è stato covidy calcio. Le probabilità erano in entrambi i club
⚒ Il minatore ha guidato il Real Madrid per tutto il tempo, ha sparato tre - e ha resistito! Ma prima di lasciare perso 10 persone