Italy

Culle vuote in Italia: calo delle nascite storico (-4,5%). Il dato peggiore dal 1861

La rilevazione dell'Istat

di Gilda Giusti - - Cronaca, Economia, Politica, Primo piano, Salute e benessere, Top News

ROMA – Culle semivuote in Italia. Nuovo minimo storico di nascite dall’unità d’Italia, lieve aumento dei decessi e più cancellazioni anagrafiche per l’estero. E’ quanto evidenzia il Bilancio demografico nazionale 2019 dell’Istat. La diminuzione delle nascite (-4.5%) è di oltre 19 mila unità rispetto al 2018: nel 2019 sono stati iscritti in anagrafe per la nascita 420.170 bambini. E’ di +16,1% l’aumento di cittadini cancellati dalle anagrafiche che vanno all’estero: nel 2019 le cancellazioni di cittadini trasferitisi all’estero sono state 182.154.

Il record negativo di nascite dall’Unità d’Italia, 1861, registrato nel 2018 – spiega l’Istituto nazionale di Statistica – è di nuovo superato dai dati del 2019: gli iscritti in anagrafe per nascita sono appena 420.170, con una diminuzione di oltre 19 mila unità sul 2018 (-4,5%). Il calo si registra in tutte le ripartizioni, ma è più accentuato al Centro (-6,5%). I fattori strutturali che negli ultimi anni hanno contribuito al calo delle nascite sono noti e si identificano nella progressiva riduzione della popolazione italiana in età feconda, costituita da generazioni sempre meno numerose alla nascita – a causa della denatalità osservata a partire dalla seconda metà degli anni Settanta – non più incrementate dall’ingresso di consistenti contingenti di giovani immigrati.

Negli ultimi anni si assiste anche a una progressiva diminuzione del numero di stranieri nati in Italia, così che il contributo all’incremento delle nascite fornito dalle donne straniere, registrato a partire dagli anni duemila, sta di anno in anno riducendosi. Nel 2019 il numero di stranieri nati in Italia è pari a 62.944 (il 15% del totale dei nati), con un calo di 2.500 unità rispetto al 2018 (-3,8%).Il peso percentuale delle nascite di bambini stranieri sul totale dei nati è maggiore nelle regioni dove la presenza straniera è più diffusa e radicata: nel Nord-ovest (21,1%) e nel Nord-est (21,2%). Un quarto dei nati in Emilia-Romagna è straniero (25,0%), in Sardegna solo il 4,3%. Il tasso di natalità del complesso della popolazione residente è pari al 7,0 per mille. Il primato è detenuto dalla provincia autonoma di Bolzano (9,9 per mille) mentre i valori più bassi si rilevano in Liguria (5,7 per mille) e in Sardegna (5,4 per mille).

Gilda Giusti

Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Football news:

Ferdinand sull'allevamento del leopardo: brutto. Fanno ancora affidamento sui veterani
L'Inter vuole riavere Perisic, anche se Conte rimane nella squadra. Il Bayern spera di riscattare il giocatore per meno di 20 milioni di euro
Rudy Garcia sulle possibilità di Lione nella partita contro la città: i quarti di finale hanno dimostrato che anche i favoriti possono essere sconfitti
Il CSKA ha concordato con Fuchs 5 anni di contratto. Il trasferimento è stimato in 7-10 milioni di euro
Ferdinand su messi in barca: vorrebbe rimanere, dati i risultati e il gioco della squadra? Ha tempo di aspettare?
Non mi sorprenderebbe se Pochettino fosse nominato tra meno di tre giorni. L'ex ala del Barça Carrasco parla del nuovo allenatore del club
Alaba su Mueller: sono contento che il Bayern abbia un giocatore del genere