Italy

Da 50 sfumature a The Mister, anche l’ultimo romanzo di E.L. James diventa un film

Ottime notizie per chi ha amato la saga di "Cinquanta sfumature". Universal, dopo la trilogia con Jamie Dornan e Dakota Johnson, produrrà l'adattamento cinematografico di un altro libro di E.L. James, ovvero "The Mister". Gli studios, come annuncia The Hollywood Reporter, hanno acquisito i diritti per il romanzo. Il film sarà prodotto dalla stessa James, insieme a Sara Scott e Lexi Barta della Universal. Il progetto è attualmente in fase di sviluppo, per cui non si conoscono ancora i membri del cast.

The Mister, la trama

"The Mister", pubblicato nel 2019 è stato nella lista dei libri più venduti del New York Times per nove settimane ed è stato venduto in 33 Paesi. In Italia è edito da Mondadori. La vicenda si ambienta nell'Inghilterra dei giorni nostri e vede protagonista Maxim Trevelyan, affascinante e ricchissimo aristocratico che, a causa di una tragedia, si trova a ereditare il titolo nobiliare della sua famiglia, con le relative responsabilità. La sfida più grande è però resistere al desiderio per la giovane ed enigmatica Alessia Demachi, governante giunta a Londra dall'Albania, che cela un grande talento musicale ma anche un passato difficile e pericoloso.

Il successo di 50 sfumature

Le aspettative di Universal sono ovviamente alte, anche se sarà difficile ripetere i fasti della trilogia, che ha incassato un miliardo e 323 milioni di dollari al box office mondiale, mentre i libri della James hanno venduto 125 milioni di copie. La pellicola di apertura "50 sfumature di grigio" è uscita nel 2015, seguita da "50 sfumature di nero" (2017) e "50 sfumature di rosso" (2018). La saga ha lanciato le carriere di Jamie Dornan e Dakota Johnson, con effetti per la verità non sempre positivi. L'attore sta faticando a scrollarsi di dosso i panni di Christian Grey e non ha avuto molti altri ruoli di primo piano; più fortunata la Johnson, che ha cercato di allontanarsi dall'ingombrante personaggio di Anastasia diventando l'attrice feticcio del cinema d'autore del nostro Luca Guadagnino, ottima nell'horror "Suspiria".