Italy

Di Maio: 'Capisco famiglia Regeni ma ambasciatore resta al Cairo'

"Ogni critica" da parte della famiglia Regeni "è legittima e comprensibile e deve essere una spinta" per il governo: "Come uomo di Stato dico che noi stiamo facendo il massimo". Lo dichiara il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in audizione davanti alla commissione d'inchiesta sul caso Regeni alla Camera. Di Maio sottolinea il "fortissimo impegno degli esecutivi di cui ho fatto parte, con un'azione continua e insistente" sulla quale "non devono esserci cali di tensione".

"Riteniamo necessario coinvolgere costantemente al più alto livello le autorità del Cairo" sul caso Regeni e in tal senso "è fuorviante credere che avere un nostro ambasciatore al Cairo significhi non perseguire la verità e viceversa è fuorviante pensare che ritirarlo sia necessario per arrivare alla verità", osserva Di Maio. "Tutto il governo - aggiunge - comprende il dolore della famiglia Regeni" ma la presenza dell'ambasciatore "rientra nella strategia" dell'esecutivo anche "per chi come Patrick Zaky è ancora lì".
   

Football news:

Per Lione ha segnato una speciale unica per la città: la radice mette in Champions League solo da lui. E i francesi con i suoi gol non perdono
Il capitano Lyon non voleva Pepa. Ha giocato tutta l'infanzia a piedi nudi e ha aggiunto accanto all'amico Van Dijk
Golovin ha segnato e ha dato un passaggio in una partita amichevole di Monaco con AZ
Müller Pro 8:2 con barca: non abbiamo controllato il gioco anche nella partita con il Brasile nel 2014-m
Ander Herrera: se il PSG non vince la Champions League, non sarà un fallimento
Arsenal sta indagando sul trasferimento di pepe per 72 milioni di sterline. Il club vuole sapere se ha pagato troppo
Ole-Gunnar Sulscher: il Manchester United sa quanto sia doloroso cedere alle semifinali. I giocatori principali sono ora di mettersi alla prova