Italy

Dl Sicurezza, ok alla fiducia. M5s: “Decreti Salvini non hanno funzionato”. Protesta la Lega: “Dignità vale più della poltrona”

L’Aula della Camera ha approvato con 298 voti a favore, 224 contrari e nessun astenuto la fiducia sul Decreto Sicurezza e immigrazione, con la quale la maggioranza giallorossa intende superare l’impianto normativo dei decreti Salvini (già in parte bocciato dall’intervento della Corte costituzionale, che aveva definito illegittimo lo stop all’iscrizione all’anagrafe dei richiedenti asilo), quando è passato oltre un anno dai rilievi mossi dal Quirinale, in particolare sul tema delle multe alle Ong.

“Era un punto qualificante per la nascita del nuovo governo, ora l’Italia torna nel novero delle nazioni civili”, ha rivendicato in Aula Federico Fornaro (capogruppo Misto-LeU), mentre Italia Viva, attraverso le parole del deputato Marco di Maio, ha attaccato le opposizioni (e non solo): “Mettetevelo in testa, colleghi delle opposizioni e di parte del M5s, che votò quei decreti: salvare vite umane in mare è un cardine del nostro ordinamento, principio scolpito tra ciò che fa la differenza tra bestialità e umanità”.

Dal centrodestra, in particolare dalla Lega di Matteo Salvini, che quei decreti aveva trasformato come un simbolo della sua azione di governo da ministro dell’Interno, sono partiti attacchi soprattutto nei confronti del M5s: “O si considerano le ong dei ‘taxi del mare’ come disse Luigi Di Maio o si sta con chi ritiene che sono l’unico strumento per garantire la sicurezza in mare. Lo dico al M5s: non si può un giorno essere per i decreti sicurezza e un giorno per azzerarli. La dignità conta molto di più di una poltrona”, ha accusato il deputato leghista Nicola Molteni, rivolgendosi ai parlamentari 5 Stelle, che avevano votato a favore (pur tra le divisioni nel gruppo, soprattutto al Senato) di quei provvedimenti oggi cambiati, durante il governo M5s-Lega. Parole alle quali ha replicato Vittoria Baldino (M5s): “Noi avevamo sollevato non pochi dubbi sul decreto Salvini: non ha funzionato, anzi ha prodotto risultati contrari alla tanto decantata sicurezza. Prima la legge Bossi Fini e poi i decreti di Salvini hanno dimostrato che i flussi non si fermano con delle leggi, ma con dei percorsi di inserimento, occupandosi del fenomeno”. E ancora, rispetto alle accuse di aver cambiato idea: “Ci domandavamo se fosse più sicuro privare della carta di identità persone che poi non sarebbero potute essere più monitorate. Minore controllo, minore sicurezza sia per i migranti che per i cittadini. In questo passaggio c’è la parabola dei decreti Salvini”, ha concluso.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Mes, Borghi (Lega) attacca Gualtieri: “La diffido, se dà l’ok alla riforma si assume la responsabilità penale”. Il ministro: “Osservazioni fuori luogo”

next

Articolo Successivo

Mes, De Luca (Pd) a Borghi: ‘Discussione riforma avviata con Salvini vicepremier, chi si oppone vuole che resti trattato del centrodestra del 2011’

next

Football news:

Vasquez non vuole rinnovare il contratto con il Real Madrid. Non aumenta lo stipendio e crede di non essere apprezzato
Portiere Elche Badia: Messi è il miglior giocatore del mondo
Villash-Boas Pro 1:3 con Monaco: cosa ha fatto Var oggi? Hai bevuto un Caffe'?
Ole Gunnar Solskjaer: Liverpool di distacco dal Manchester United in un paio di punti in premier league, ma rimane ancora top team
Zlatan su 0:3 con Atalanta: Ilicic potrebbe segnare ancora di più. Aveva un sacco di spazio
Andrea Pirlo: un trofeo non cambia nulla. Voglio vincere di più
Sethien può guidare il Dalian Cinese. Benitez ieri ha lasciato il club