Italy

Domenica In, le affermazioni dell’infettivologo Bassetti sul Covid

Leggi anche

Virolog Cronaca

Il virologo Ivan Gentile ha denunciato la mancanza di un numero adeguato di vaccini contro il Covid e ha ribadito il pericolo di una quarta ondata.

La senatrice Bonino mentre si vaccina Cronaca

Emma Bonino si è vaccinata con AstraZeneca e lo annuncia su Twitter: “Sono fermamente convinta sia assolutamente necessario vaccinarsi”

Appello Cronaca

Il direttore dell’Istituto Nazionale di Malattie Infettive Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, ha scritto un post su Facebook a favore delle riaperture.

coronavirus bilancio Cronaca

Le autorità del ministero della Salute hanno comunicato il bilancio dell’emergenza coronavirus all’11 aprile, che sale di 15.746 casi e 331 morti.

Ospite a Domenica In, l’infettivologo Matteo Bassetti, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul vaccino AstraZeneca e sugli anticorpi monoclonali.

Covid

Il professore ordinario di Malattie Infettive e direttore della Clinica Malattie Infettive del Policlinico San Martino di Genova, Matteo Bassetti, ha rilasciato alcune dichiarazioni estremamente provocatorie, durante la sua partecipazione a Domenica In.

Covid, Domenica In: le dichiarazioni dell’infettivologo Bassetti

In occasione della sua partecipazione a Domenica In, l’infettivologo Matteo Bassetti si è espresso in merito all’utilizzo del siero sviluppato contro il coronavirus da AstraZeneca. Nei giorni in cui il vaccino anglo-svedese è stato destinato esclusivamente agli over 60, infatti, l’esperto del San Martino di Genova ha ribaltato le carte in tavola lanciando una particolare proposta.

In considerazione dei clamorosi ritardi registrati nell’andamento della campagna vaccinale e dell’indisponibilità di dosisul territorio nazionale, Matteo Bassetti ha affermato che l’Italia dovrebbe affidarsi e incrementare l’utilizzo del vaccino AstraZeneca.

Lo scetticismo e il calo di fiducia attualmente nutrito nei confronti del farmaco anglo-svedese rendono estremamente accessibile il siero sul mercato, grazie all’esubero di dosi rifiutate dagli altri paesi europei.

Secondo l’infettivologo, inoltre, l’Italia dovrebbe anche procedere nell’acquisto del vaccino in modo autonomo in considerazione dell’assoluta sicurezza ed efficacia del prodotto.

A questo proposito, quindi, l’esperto del San Martino ha spiegato: “Potremmo spostare in là la seconda dose, portando ad esempio AstraZeneca a 3 o 4 mesi, ma non bisogna dimenticare che l’obiettivo deve essere coprire rapidamente le persone fragili.

Abbiamo bisogno di mettere in sicurezza gli over 70, concentriamoci su di loro”.

Matteo Bassetti, il ruolo degli anticorpi monoclonali

Nello studio di Domenica In, poi, l’infettivologo Bassetti ha anche affrontato la questione degli anticorpi monoclonali, sottolineando gli “ottimi risultati” riscontrati in Liguria.

Presso il Policlinico San Martino di Genova, in particolare, Matteo Bassetti ha spiegato: “La situazione degli ultimi giorni è decisamente migliorata. Arrivano molti meno malati in pronto soccorso, sono dimessi moltissimi e con degenze più corte. Forse perché abbiamo saputo cogliere la palla al balzo degli anticorpi monoclonali. Spiace che non sia così altrove. In Liguria sono state trattate circa 80 persone in 15 giorni e abbiamo degli ottimi risultati quando questi farmaci sono somministrati in una fase iniziale della malattia. Bisogna lavorare bene con i medici di medicina generale e cogliere questa opportunità dei monoclonali, anche per il futuro. Io non capisco perché in molte regioni non venga utilizzato l’anticorpo monoclonale che, però, è ampiamente disponibile”.

Football news:

Il Bayern può invitare Paratici dalla Juventus (la Stampa)
Kakà: il Milan è in grado di battere la Juventus e entrare in Champions League
Nello spogliatoio del Real madrid ritengono che Zidane lascerà al termine della stagione (Goal.Com)
Philip Lam: a barca, Pepa avrebbe prodotto 11 Iniesta. In Bayern e City ha sacrificato gli ideali
Ter Stegen sul debito miliardario del Barça: la somma è enorme. Sono contento che non sia io a risolvere questo problema, onestamente
Il giocatore di Pisa è squalificato per 10 partite per una frase sulla ribellione degli schiavi contro il giocatore di colore
L'ex consulente Fiorentina ha ricevuto un anno di libertà vigilata per la morte di Astori. Ha falsificato i documenti che permettevano al calciatore di giocare